Grecia: esperimento fallito?

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Sono sempre più convinto che l’evoluzione della crisi greca avvenuta in questi ultimi anni sia stato una specie di esperimento. Lo scopo è stabilire quale sia il limite delle politiche di da imporre ad uno stato sovrano, prima che la situazione degeneri in una insormontabile recessione e conseguente perdita di controllo del Paese da parte della classe dirigente (rivolte civili, mancato rispetto delle norme, ecc.).

Purtroppo, si sono alcuni elementi che suggeriscono come tale limite sia stato superato.

1) Fino a quando la Grecia manterrà una maggioranza adeguata a far passare le misure di austerity?

Ricordo che mercoledì 7 novembre prossimo la Grecia (il Parlamento) è chiamato a votare il nuovo pacchetto di misure di austerità (tagli pari a circa 11,5 miliardi di euro) “concordate” con la , al fine di ottenere (il 12 novembre?) la terza tranche di aiuti, di circa 31,5 miliardi, indispensabile al Paese per evitare il fallimento e finanziarsi fino alla prossima primavera.

Nel frattempo però aumentano le divergenze all’interno della coalizione di governo, i conservatori di Nuova democrazia, i socialisti del Pasok e il Partito della sinistra democratica, diventando sempre più marcate. Infatti sta avvenendo una defezione di molti deputati, rendendo sempre più difficoltoso il passaggio di tali misure in Parlamento: in particolare all’interno del Pasok e della Sinistra democratica ([1]).

Il momento è difficile, come sottolineato ([2]) dallo stesso, ministro delle finanze greco Stournaras, che avverte (citando fonti provenienti dalla stessa Commissione Europea) come il 12 novembre sia l’ultima chance per ottenere la tranche di aiuti. Se si perde tale treno ci saranno conseguenze incalcolabili sul fabbisogno finanziario della Grecia (in pratica è quasi automatico un default sul proprio debito).

2) Livelli di povertà diffusa.

Il 2 novembre scorso, l’ente statistico nazionale greco ELSTAT ([3]), ha rilasciato un report che descrive come in Grecia la povertà sia ampiamente diffusa, quasi “cronica”.

Un breve riepilogo:

- il 21% della popolazione è a rischio di povertà, un esercito di 3.403.000 persone: si tratta di un livello stabile  (attualmente la soglia di povertà è pari a € 6.591,00) visto che negli ultimi 16 anni (1994-2011) tale percentuale è rimasta compresa tra il 19,5% e il 23% della popolazione;

- i più colpiti sono i bambini con età compresa fra 0 e 17 anni (povertà infantile), il cui dato si attesta al 23,7% della popolazione (in tale fascia di età), e gli anziani, con età superiore ai 65 anni, il cui dato è equivalente al 23,6% della popolazione (2,3% in più del 2010);

- il dettaglio della popolazione a rischio di povertà:

- uomini disoccupati (48,4%);
- nuclei familiari monoparentali con almeno un figlio a carico (43,2%);
- altri non economicamente attive (ad eccezione di pensionati (30,0%);
- famiglie con un adulto di età compresa tra 65 anni o più (29,7%);
- famiglie singole con un membro femminile (25,8%);
- i bambini di età compresa tra 0-17 anni (23,7%);

- anche chi lavora è soggetto a rischio povertà: il 10,4% fra gli occupati a tempo pieno e il 21,4% tra quelli a tempo parziale;

- anche chi possiede la casa di proprietà: il 20,3% contro il 25,9% di chi vive in affitto.

L’istituto di statistica precisa che la rilevazione non include gruppi di popolazione che si presumono poveri, come i senza tetto, molti migranti economici clandestini, rom, ecc.

Scusate… mi sono dimenticato di dirvi che tali dati si riferiscono all’anno 2011. Non prevedo un miglioramento nel 2012.

3) Bilanci delle famiglie sempre più ridotti.

Lo stesso istituto di statistica ha pubblicato un rapporto/indagine sul bilancio delle famiglie greche nel 2010 ([4]).

Un breve riassunto:

- la spesa media mensile delle famiglie è pari a € 1.956,42: si è ridotta del 5,3% rispetto al 2009 (-9,3% tenendo conto dell’inflazione);

- le spese maggiori sono: prodotti alimentari (18%), trasporti (13,5%), abitazione (11,7%) mentre la voce minore è l’istruzione (3,3%);

- nel periodo 2009-2010 si è assistito ad un netto cambiamento nelle abitudini di spesa, riducendo le voci abbigliamento, calzature, alberghi, bar, ristoranti, comunicazione, tempo libero e cultura, a favore dei beni alimentari, abitazioni, bevande alcoliche e tabacco;

- andando nel dettaglio delle spese alimentari si nota una riduzione delle spese comprimibili (zucchero, marmellata, miele e dolciumi, uova e prodotti caseari, carne, pesce, bevande analcoliche e succhi di frutta, caffè, tè, cacao) a fronte di un aumento marginale dei beni indispensabili (olii e grassi, ortaggi, frutta, farina e pane, cereali).

4) Previsioni del FMI poco attendibili.

Com’è noto il Fondo Monetario Internazionale è un componente della Troika.

Quindi è suo interesse fornire previsioni attendibili sull’andamento dell’economia greca, in modo che il Paese sia in grado di risollevarsi grazie agli aiuti internazionali e alle (molto) sofferte politiche di austerity.

I fatti purtroppo danno delineano una realtà ben diversa, come ben spiegato qualche giorno fa da FTAlphaville ([5]).

Se andiamo a confrontare le previsioni del FMI rilasciate soltanto due anni fa (novembre 2010), con quelle attuali (ottobre 2012) riscontriamo delle differenze allucinanti:

 Graficamente parlando:

Piuttosto chiaro come le previsioni economiche siano sempre difficili da fare… anche in così poca distanza di tempo (soltanto due anni) e, sopratutto, con i potenti mezzi a disposizioni di organismi internazionali quali il FMI…

5) Una nuova ristrutturazione all’orizzonte?

Bloomberg spiega chiaramente che la Grecia non ha bisogno di un riacquisto del suo debito… ma di una ristrutturazione ([6]).

In pratica sembra che le ultime idee in discussione per aiutare la Grecia sia di ridurre i tassi di interesse delle emissioni del suo debito pubblico ed un riacquisto del suo debito.

Ma anche tali misure non sarebbero sufficienti ad arrestare la spirale economica e politica negativa in cui si è infilato il Paese, semplicemente perché più di 9 miliardi di tagli e varie misure entreranno in vigore il prossimo anno, aggravando ulteriormente la recessione (ricordo che la Grecia è in recessione da 5 anni).

Anche il riacquisto del debito greco (misura caldeggiata dalla Germania) non aiuterebbe il Paese (come dimostrato da uno studio sulla crisi economica latino-americana del 1980):  l’adozione di tale misura, tende a far rialzare il prezzo dei titoli rimanenti in circolazione, rendendo di fatto invariato il valore di mercato del debito greco.

Ecco quindi necessario attuare tutte le misure idonee a rendere sostenibile il debito greco, compresa l’opzione di una sua nuova ristrutturazione.

6) Ma i sacrifici li stanno facendo tutti?

Non entro nel merito di quanto accaduto con la pubblicazione della cosiddetta lista Lagarde, che contiene i nomi di 2059 greci che hanno i conti in svizzera presso la banca elvetica HSBC, tra cui anche esponenti politici dell’attuale governo greco. Sicuramente avrete approfondito l’argomento sui mass-media in questi giorni.

Volevo citare un recente studio ([7]), che analizzando tra il 2003 e il 2010 i dati grezzi di una decina delle più grandi banche greche (circa l’8% del mercato bancario), ha stimato l’evasione fiscale ed in particolare quali siano le categorie che evadono di più in Grecia.

Ebbene: è venuto fuori quanto noi in Italia conosciamo molto bene.

Il lavoro autonomo è il settore che permette più di evadere: dottori, ingegneri, insegnanti privati, commercialisti, consulenti finanziari e avvocati. Oltre alle aziende che sono collegate/appoggiate dal potere politico.

7) Derive politiche

In Grecia, spesso a causa delle difficoltà dovute al quadro appena descritto, una sempre maggior parte della popolazione (si stima il 15%) sta appoggiando la nuova formazione nazionalista Lega Popolare – Aurora Dorata, o brevemente Alba Dorata.

Il partito afferma la superiorità culturale della nazione greca, sostiene che gli immigrati irregolari e i rom dovrebbero essere mandati al confino; si oppone al marxismo, alla globalizzazione e al multiculturalismo ([8]).

Come ben sa chi mi legge, non mi interesso di politica, per cui non esprimo alcun giudizio su tale deriva.

Per chi volesse lascio solo un video (in inglese) trasmesso dalla BBC ([9]) di approfondimento (in nota trovate anche un articolo in italiano della Stampa che ha ripreso  l’articolo della BBC).

Immagine anteprima YouTube

Nel video, Ilias Panagiotaros, uno dei 18 parlamentari di Alba Dorata eletti lo scorso giugno, afferma chiaramente che in Grecia la guerra civile c’è già. “Sarà un nuovo tipo guerra civile: da una parte i nazionalisti come noi, e i greci che vogliono che il nostro paese ritorni come prima e dall’altra gli immigrati illegali, gli anarchici e tutti quelli che hanno distrutto Atene”.

Non so perché ma mi ricorda qualcosa già avvenuto in un lontano passato.

Conclusione

Qualsiasi decisione prendano nelle prossime settimane il FMI, la BCE ed il governo greco, la situazione attuale della Grecia evidenzia un chiaro fallimento delle politiche di austerità da loro imposte. Sia dal punto di vista sociale che politico.

E pensare che la Grecia antica era la culla della civiltà occidentale, della filosofia, della democrazia, ecc.

Buona riflessione.

Lampo

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI| e seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

Fonti e approfondimenti:
[1] Presseurope – La corsa contro il tempo di Samaras (2 novembre 2012).
[2]  Ethnos.gr - Τελευταία ευκαιρία για τα 31,5 δισ. η ψήφιση των μέτρων (3 novembre 2012).
[3]  Elstat - Rapporto sul reddito e condizione delle famiglie 2011 (2 novembre 2012).
[4]  Elstat - Rapporto sul bilancio delle famiglie 2010 (2 novembre 2012).
[5]  FTAlphaville - Greek government acquires more realistic crystal ball (1 novembre 2012).
[6]  Bloomberg - Greece Needs a Writedown, Not a Buyback (1 novembre 2012).
[7]  Virginia Polytechnic Institute & State University – Pamplin College of Business, University of Chicago – Booth School of Business - Tax Evasion Across Industries: Soft Credit Evidence from Greece (25 giugno 2012).
[8]  Wikipedia.it - Alba dorata (2 novembre 2012).
[9]  BBC News - Alarm at Greek police ‘collusion’ with far-right Golden Dawn (17 ottobre 2012).
La Stampa - Alba Dorata (oggi al 15%) è sostenuta dalla polizia greca? (29 ottobre 2012).

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.1/10 (7 votes cast)
Grecia: esperimento fallito?, 9.1 out of 10 based on 7 ratings
  1. Il mondo è fallito?
  2. Weekly Eurozone Overview: Crisi Grecia, non arriva oltre a novembre
  3. Time is ending: ore chiave per Euro, Grecia e mercati
  4. Germania e Grecia: gli opposti non si attraggono
  5. GRECIA: scenari possibili dopo il voto in Parlamento

Commenti (n° 15)Commenta

  1. manuel.finanza scrive:

    x Lampo
    Grazie e complimenti per il lavoro ben documentato che hai fatto

  2. tommy271 scrive:

    Direi che le politiche della Troika non hanno avuto successo in Grecia.
    Lo stesso possiamo dire dell’Irlanda? Del Portogallo?
    Rimane comunque in primo piano la necessità di una riforma delle istituzioni greche.
    Un intreccio che attraversa la politica, la finanza e la società civile.
    Nessuno è immune.

  3. Lampo,
    possiamo ripetere quello che abbiamo detto tante volte: la situazione greca era più che critica tre anni fa ed è irrisolvibile oggi.
    Probabilmente quando il duo Merkozy decise di far intervenire i privati nella ristrutturazione del è coinciso con il principio della fine; in quel momento, sempre probabilmente, con € 50mld si poteva salvare la Grecia. Ma l’egoismo di voler salvare la maggior parte dell’esposizione delle banche tedesche e francesi a tutti i costi, ha innescato il vaso di pandora da cui non è più possibile uscire.
    Se la Grecia fosse uscita dall’euro tre anni fa, dichiarando default, avrebbe pianto lacrime e sangue per uno-due anni, ma oggi sarebbe già sulla via della ripresa.

  4. paolo41,

    Sì, purtroppo e’ vero…

  5. Lampo, ottimo come sempre!

  6. perplessa scrive:

    sono andata a leggermi l’articolo della Stampa citato, veramente inquietante.
    e in Italia?
    http://www.huffingtonpost.it/2012/11/05/mse-sabato-10-novembre-raduno_n_2076348.html?utm_hp_ref=italy
    paradossale che questi gruppi siano tollerati.

  7. perplessa@finanza,

    …non dimenticare che per parecchi anni la grecia ha subito il governo dei “colonnelli”…

  8. tommy271 scrive:

    paolo41:
    perplessa@finanza,

    …non dimenticare che per parecchi anni la grecia ha subito il governo dei “colonnelli”…

    C’è da dire che il superamento della fortissima contrapposizione tra destra (ND) e sinistra (PASOK), retaggio della dittatura dei colonnelli, l’abbiamo avuta solo di recente con la scomposizione di questi due partiti.

    La destra rappresentata da sempre da “Nuova Democrazia” si è portata su posizioni centriste di stampo europeo/popolare mentre si è formata una destra “post-lepeniana” rappresentata dai “Greci Indipendenti” e una destra “neonazista” rappresentata da “Alba Dorata” che raccoglie significativi riscontri elettorali.

    A sinistra il Pasok è stato scavalcato da Syriza un cartello di forze “post-68″ che ha fagocitato – in parte – anche i comunisti del KKE.
    Il PASOK di Venizelos è ora su posizioni più centriste, direi socialdemocratiche abbandonando le posizioni che l’avevano contraddistinto all’interno della Sinistra Europea.
    A colmare questo vuoto è intervenuto il DIMAR (ora KPS) di Kouvelis che, staccatosi da Syriza, ambisce a rappresentare una “Sinistra Democratica”.
    In forte posizione rimane SYRIZA, un coacervo di forze che direi “alla Vendola” che rimane unito all’opposizione ma stenta a trovare posizioni unitarie sul terreno delle alleanze.

    Da tutto questo rimescolamento direi che si può intravedere, in futuro, una possibile nascita di un partito centrista composto da ND e PASOK che sarebbe il fatto nuovo della politica, scaturita dalla profonda crisi.

  9. manuel.finanza scrive:

    Un popolo disperato e depresso prende decizioni estreme
    un anno fa alba dorata era al 0.02% ..adesso e l unico partito in continua ascesa
    sono ben organizzati e colpiscono le aspetative della gente. sono nati dal nulla come i funghi
    velenosi ..fanno molto volantariato (dichiarano che il parlamento non gli rapresenta e possono
    uscire, accompagniano la vecchieta per ritirare la pensione , restituiscono e pitturano la casa di chi aveva affitato a un extracommunitario mandandolo al ospedale
    Ma oggi in Grecia lo stato non funziona – scuola sanita giustizia
    continui scioperi dei mezzi pubblici , scuole tribunali …polizia senza la benzina per muoversi
    Uscire dal Euro e una cosa estrema da disperati e allora si che gli estremisti trovano terreno
    fertile
    ve lo immazzinate cosa costeranno con la dracma i farmaci ,la benzina,i mutui con le banche
    e alla fine chi sorridera.?. solo i ladri greci che hanno i conti al estero e gli avvoltoi delle lobbi estere

  10. tommy271 scrive:

    manuel.finanza@finanza:

    ve lo immazzinate cosa costeranno con la dracma i farmaci ,la benzina,i mutui con le banche
    e alla fine chi sorridera.?. solo i ladri greci che hanno i conti al esteroe gli avvoltoi delle lobbi estere

    Pare sia un pò difficile da capire … per molti.
    La Grecia non è un paese esportatore.

    Chi – a sinistra (o a destra) – invoca la drakma (più o meno indirettamente) fa solo un bel servizio agli speculatori che con gli Euro si ricompreranno la Grecia al costo della Drakma.

    Direi che non sono pensionati o lavoratrori …

  11. idleproc scrive:

    Concordo con te Lampo, un test socioeconomico su cui regolare il tiro e che comunque dava utili.
    Una Guernica d’oggi in ambito economico finanziario. Ciò che è cambiato è il metodo neocoloniale che viene applicato a livello globale anche sugli stati nazionali occidentali. Le redini del gioco sono tirate a livello sovracontinentale. Non sarà una passeggiata come invece credevano.

  12. manuel.finanza scrive:

    concordo pienamente con Tommy
    .solo che adesso in Spagna si domandano se e meglio la peseta o la troiKa
    e l indipendenza della Catalonia
    Di sicuro l austerita aumenta i movimenti estremi radicali
    la idea della Europa allargata ha fatto comodo solo ad alcuni
    l euro e i mercati non rispechiano la realta e non anticipano il futuro
    anzi il contrario
    tommy271@finanza,

  13. tommy271 scrive:

    manuel.finanza@finanza:
    concordo pienamente con Tommy
    .solo che adesso in Spagna si domandano se e meglio la peseta o la troiKa
    e l indipendenza della Catalonia
    Di sicuro l austerita aumenta i movimenti estremi radicali
    la idea della Europa allargata ha fattocomodo soload alcuni
    l euro e i mercati non rispechiano la realta e non anticipano il futuro
    anzi il contrario
    tommy271@finanza,

    In Spagna la situazione è critica.
    Credo potremmo essere all’inizio di un processo che potrà avere serie ripercussioni a livello istituzionale. Sino a questo momento, salvo qualche manifestazione “folkloristica”, tutto rimane sotto controllo.
    In Galizia Rojoy si è salvato ma in Catalunya hanno vinto i “nazionalisti” (posso chiamarli così? :mrgreen: ). Il voto che lascia più pensare è quello nei Paesi Baschi con l’affermazione di Bildu (erede di Herri Batasuna).
    Detto questo non credo a derive “secessioniste” ma certamente ad un ripensamento della forma istituzionale dello Stato.
    Forse è tempo di una nuova “Repubblica”.

  14. Mi è capitato di leggere proprio adesso un articolo della Stampa che praticamente spiega che molti in Grecia non scioperano perché devono sbarcare il lunario oppure non hanno i mezzi pubblici per arrivare nei luoghi delle manifestazioni (quest’ultima mi pare più una giustificazione).
    Che desolazione!

    Inoltre in Parlamento stanno facendo la conta per il passaggio della manovra domani (sono sempre meno favorevoli), al punto che rischia di esserci una maggioranza molto risicata (vedremo domani…).

    http://www.lastampa.it/2012/11/06/esteri/se-sciopero-sempre-non-sopravvivo-grecia-contro-l-austerity-ma-non-troppo-FXXnjo2duJrQyUmZug0UrM/pagina.html

  15. tommy271 scrive:

    La gente sciopera, ma non partecipa alle manifestazioni.
    L’ultimo sciopero generale – da un punto di vista della piazza – è stato un fallimento.
    Questo (di due giorni) lo seguirà.

    La gente è stanca.
    Ma è anche vero che non ci sono alternative a questo governo.