Grecia bailout: market mover e investimenti

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

I presunti Salvatori della Grecia, trojke varie (come le triadi cinesi?) che asseriscono di agire per il bene dell’umanità, si sono compiaciuti che Papademos abbia strappato il consenso ad impoverire ulteriormente il (suo?) popolo. I Salvatori però non sono fessi e quindi questo sforzo lo considerano preliminare e insufficiente (“despite the important progress achieved over the last days, we did not yet have all necessary elements on the table to take decisions” Juncker dixit), per cui scuciranno i 130 miliardi necessari per le spese correnti e rimborsi a scadenza SOLO al verficarsi di queste tre condizioni:
- ratifica in parlamento del suddetto accordo entro il fine settimana
- “risparmiare” 325 milioni extra nel 2012
- garanzia che anche il nuovo governo che uscirà dalle elezioni di aprile sarà vincolato al rispetto degli impegni presi ora (“strong political assurances”)
Mi sembra che ci siano tutti i presupposti per considerare la questione greca una storia che potrà finire solo con un ritorno alla dracma e ai colonnelli, che in prima battuta avranno il consenso popolare (Egitto docet). Sarà un caso ma poco fa i quattro membri di coalizione dell’estrema destra (LAOS) si sono dimessi (e l’azionario accelera al ribasso).
Nell’attesa, la tragedia greca – metafora dell’umana avidità e delinquenza politica – insieme alle manovre monetarie delle principali banche centrali continuerà ad orientare gli investimenti dei professionals e a disorientare quelli del parco buoi.
Intanto oggi “risk off” come prevede il copione intramontabile del “buy on rumors, sell on news”. A dir la verità in questo caso si aggiungono anche i timori che l’imposizione del taglio ulteriore di 325 milioni alla spesa 2012 sia un obiettivo impossibile da raggiungere e da manipolare.
SP500 dovrebbe perdere in settimana almeno una quarantina di punti dal top di ieri.

Investire 2012, solo un’idea
Presupposti
La questione greca è market mover internazionale di breve e di medio periodo e possiamo stare certi di almeno due cose:
1. è fattore di volatilità dei mercati (=instabilità), indispensabile alle mani forti per fare profitti
2. non è motivo sufficiente per disgregare l’intera unione euro-monetaria nel 2012
Anche le politiche monetarie di FED e BCE (es. QE e LTRO) votate al finanziamento incondizionato del sistema bancario che detiene sempre buchi di bilancio nascosti rilevanti e al mantenimento di tassi quasi azzerati sono market mover.
I dati economici, più o meno veiritieri, invece non dovrebbero essere presi in considerazione per investimenti con target di un anno o meno.

Implicazioni
Quanto segue sono considerazioni valide solo per impieghi con target a un anno; eventi che muteranno profondamente il quadro su esposto richiederanno nuove valutazioni e riallocazioni
1. Nessuna giustificazione per convertire liquidità e euro-asset in altre valute
2. I bond governativi USA/Germania restano bene rifugio indiscusso e quindi non adatto all’investimento di chi cerca rendimenti
3. Altri bond (e qui non entro nel merito) continueranno invece a costituire discrete opportunità di rendimento anche in conto capitale e quindi sono indicati al privato
4. Il dollaro USA resta bene rifugio indiscusso ma con target annuale va trattato solo in ottica speculativa: da comprare nelle fasi di turbolenza e da vendere quando le tensioni calano e soprattutto quando verrà varato il nuovo QE3
5. Se si specula sul dollaro inutile farlo anche sui preziosi e commodity, sarebbe in linea generale un doppione e una falsa diversificazione; solo i pochi che hanno conoscenze approfondite troveranno opportunità particolari; non speculando in area valutaria vale allora la pena farlo con oro di carta.
6. Anche l’azionario è da intendersi come pura speculazione o se preferite come trading di posizione; l’impostazione di fondo di DAX e indici USA è fortemente rialzista quindi meglio comprare sui minimi di periodo che si presenteranno ben prima dell’estate, magari associati al risultato delle elezioni greche e francesi o a qualche intoppo nell’iter parlamentare greco.

§§§

Sostieni I&M! Il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!

Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)

Info su gremlin

[email protected] www.investimentiprotetti.it http://tradeoptiongremlin.wordpress.com/ http://opzionitrading.wordpress.com/ http://minifiboption.wordpress.com/ http://www.lemcommodities.com/index.php https://vimeo.com/69794582

Commenti (n° 19)Commenta

  1. Azz!
    Prova a vedere nella “palla di vetro” anche quale sarà il rendimento dei miei investimenti quest’anno :wink: :mrgreen: :mrgreen:

  2. lampo,

    per te lo faccio gratis :mrgreen:

  3. att.ne c’è Monti in ipercomprato

  4. ob1KnoB@finanzaonline,

    purtroppo hai ragione
    almeno mandassero la Fornero in ipervenduto giusto per compensare (e la mandassero anche a ….)

  5. Ulalla l’azionario es tre fortemente rialzista, ma certainement , i dati macro non vanno guardati per uno o due anni, io direi dimentichiamoceli.
    Il carburante per l’azionario finirà come nel 2011, le forniture di coca/cash, avranno sempre meno effetto.
    Oggi i dati macro usa parzialmente taroccati hanno dato una grossa mano al fantasioso mercato americano, ma quando la verità ci dirà che l’economia usa và molto peggio di quanto economisti ed analisti e media a soldo di wall street, be allora ci faremo due risate, voglio vedere fed e bce combattere la deflazione a botte di QE e LTRO.

    I mercati oggi igonarano queste realtà negli usa

    http://globaleconomicanalysis.blogspot.com/2012/02/huge-plunge-in-petroleum-and-gasoline.html

    http://www.zerohedge.com/news/guest-post-why-gasoline-consumption-tanking

    http://www.zerohedge.com/news/guest-post-consumer-credit-and-american-conundrum

    http://globaleconomicanalysis.blogspot.com/2012/02/consumer-credit-demolishes.html

    http://advisorperspectives.com/dshort/guest/Shedlock-120206-On-the-Unemployment-Rate.php

    Quando all’improvviso si sveglieranno sarà tardi per tutti coloro che credono a babbo natale bernake e alla befana draghi.

  6. bergasim,

    la befana è la merkel e i Mario Brothers sono il gatto e la volpe

    sull’azionario si specula, non si fanno investimenti

  7. gremlin,

    Rispolvero la mia opinione in merito, la speculazione è un arte per pochissimi intimi cartomanti bravi a leggere gli zig zag dei mercati, al popolo che legge quello che si scrive servirebbero consigli da altra natura a tutela dei loro soldini
    :mrgreen:

  8. Ecco l’ennesima faccia da culo in pieno conflitto di interessi che dispensa consigli, ma piuttosto pensi a tenersi i suoi 5 mld di usd di carta da cesso di bank of america.

    New York – Stare alla larga dai bond. Nella prima bozza della sua lettera annuale agli azionisti, Warren Buffet, presidente di Berkshire Hathaway, non ha dubbi sul fatto che, in una fase economica come quella attuale, caratterizzata dal mix interessi bassi e inflazione, il peggiore investimento da fare sia quello obbligazionario.

    “I bond sono tra gli asset più pericolosi”, ha scritto Buffett, secondo le prime anticipazioni riportate dalla rivista Fortune. “Nel secolo scorso, questi strumenti hanno distrutto il potere d’acquisto di molti investitori, anche se titolari hanno continuato a ricevere puntualmete il pagamento degli interessi.”

    L’oracolo di Omaha sembra dunque pienamente d’accordo con Laurence D. Fink, amministratore delegato di BlackRock, secondo cui gli investitori dovrebbero avere il 100% del loro portafoglio in azioni perché i prezzi sono ancora convenienti e le prospettive di rendimento dell’equity sono più alte di quelle delle obbligazioni, anche in vista di un mantenimento dei tassi a zero da parte della Fed.

    IPOCRITA

  9. i tassi azzerati servono anche per impedire che il risparmio finisca nei bond

    le logiche sono chiare

  10. gremlin,

    Ci penserà la deflazione

  11. bergasim,

    Oltrettutto “bond” è una parola generica. Quale area geografica o settore intende.

    E’ come dire generalmente di non comprare più pane, senza specificare quali fra le tante tipologie di pane in vendita (grissini, taralli, pane comune, di zucca, di segale, per tramezzini, piadina, carasau, ecc.).

    Cosa dici: come dice Gerry Scotti lo accendiamo (lascio a te intendere come però) oltre ad aggiungerlo al grafico delle parole famose che ha postato ieri DT.

    Anzi colgo l’occasione di fare una proposta a DT. Creare un’area del blog in cui riportare su un grafico come quello di ieri (intermarket però) le più grandi “indicazioni” dei guru della finanza… e vede come poi va a finire…
    Magari farlo a puntate su più grafici annuali.

    Secondo me sarebbe molto educativo… per chi vuole investire!

  12. lampo,

    anche equity è generico: usa, europa, asia, emergenti, small cape, value, large cape, mid cape , bric, germania, francia, indonesia, cina, a leva , etc……

  13. gremlin:
    lampo,

    per te lo faccio gratis

    Grazie per la generosità… ma sono un testone: preferisco sbagliare o (vincere) da solo! :mrgreen:
    Chissà invece che fra qualche mesetto non partecipi anche io a quei bei corsetti sulle opzioni…
    (devo prima finire di sviluppare alcuni indicatori, soprattutto DeMark… e mettere “a regime” una certa idea di trading system probabilistico o fuzzy logic… come vedi ho un po’ di lavoro!).

  14. lampo,

    nessuno e qui per dire a tizio o caio come investire, ma precisare il nulla sul quale poggia l’azionario mi sembra doveroso per chi ci legge, i bond hanno i loro problemi ma almeno si basano su flussi cedolari più o meno certi, più il rimborso del capitale, senza tenere conto che l’invecchiamento mondiale della popolazione spingerà sempre più persone verso il mercato dei bond, in quanto i flussi cedolari serviranno loro per integrare e mantenere il loro tenore di vita passato, pagare la casa di cura, comprare la casa ai figli, l’equity al contrario è sempre una bomba ad orologeria buona per fare solo dei danni e soldi facili per le banche di affari, la speculazione lo ripeto fino alla nausea è solo per pochi.
    Quanti speculatori hanno guadagnato nel 2008? dal 2008 ad oggi quanto hanno guadagnato? se hanno guadagnato, e con che rischio? stesso discorso per il periodo 2000-2002, invece cari speculatori il sig. rossi mario che ha comprato dei luridi btp o qualche fondo obbligazionario di vario tipo, ha realizzato di più, con meno patemi d’animo meno rischi e senza guardare il monitor tutti i gioni per capire i vari zig zag.

  15. “i bond hanno i loro problemi ma almeno si basano su flussi cedolari più o meno certi, più il rimborso del capitale, senza tenere conto che l’invecchiamento mondiale della popolazione … i flussi cedolari serviranno loro per integrare e mantenere il loro tenore di vita passato, pagare la casa di cura, comprare la casa ai figli”

    La banca ha usato queste parole per convincere mia zia a comprare obbligazioni Parmalat.
    Hanno concluso: “più sicuro di chi produce latte!!!”

  16. bergasim,

    il post di signoraggio.com è veramente notevole; ero già al corrente più o meno della situazione, ma la semplice e dettagliata esposizione colpisce il lettore..
    Poi mi spiego perchè JFK è stato fatto fuori….

  17. bergasim,

    La mia non era una critica… anzi! In questo blog ci sono molte persone competenti, le cui previsioni di fatto spesso si avverano.

    Il mio era un principio prettamente personale: per verificare il grado di conoscenza che man mano acquisisco di economia… in qualche maniera mi devo pur esporre. Quindi quale miglior modo se non provare in prima persona a seguire i propri investimenti, con tutti i rischi e connessi.

    Poi, come DT sa, una buona parte dei personali investimenti, seguono pedissequamente il suo Portafoglio Beta (metà obbligazionario metà azionario), con ottimi (anzi fantastici direi) rendimenti, in gran parte anche dovuti alle basse commissioni che ho usufruendo dell’azzeramento delle commissioni in acquisto comprando i fondi sulle vetrine online e le basse commissioni della mia banca (per gli ETF). A dirla tutta spesso cambio un po’ la tempistica di uscita ed entrata… in particolar modo dell’oro… ma per scelta personale.
    Poi il resto lo seguo direttamente io, tre quarti tramite una visione di medio-lungo termine, cogliendo principalmente le aree geografiche, economie, le cui condizioni economiche e valute sono più legati ad un ciclo economico reale (fondato sul lavoro, consumi ed investimenti provenienti dall’estero, oltre a ricerca, stato sociale, bassa corruzione e via dicendo).
    Un quarto “scommetto” sui mercati azionari, valute, materie prime e via dicendo in ottica di breve periodo (tre quattro settimane, a volte anche solo qualche giorno).
    Il tutto sempre con dati di fine giornata… non faccio mai intraday per intenderci.

    Negli ultimi anni (più per fortuna che per bravura credo), le cose vanno decisamente bene.

    Ciò mi permette di allontanare sempre più i ricordi di quando chiedevo informazioni in banca su come investire, rimanevo estasiato dalla bionda di turno (ero anche più giovane e più influenzabile in questi termini…) e, lasciatomi “volontariamente abbindolare”, sceglievo SPONTANEAMENTE (almeno così risultava dagli atti firmati) il prodotto della casa… spesso perdendoci.
    Per fortuna sono una persona curiosa… e sempre pronta ad imparare cose nuove (non ho mai smesso di studiare, nel senso di approfondire gli argomenti che mi stanno più a cuore).

    Oggi, solo a pensarci, di alcune scelte di investimento, spinte da ormoni maschili in vista di ormoni femminili (che comunque non mi consideravano :mrgreen: )mi vengono i brividi! :cry:
    Anzi, tutto sommato non mi è andata neanche tanto male… visto che avevo già qualche conoscenza finanziaria allora, iniziando ad esplorare il campo.

    Poi ho conosciuto questo blog… e il resto della storia la sapete (e spesso la sopportate con i miei post). :wink:

  18. Investire 2012, solo un’idea

    Gremlin,
    tienici informati.
    Grazie