Gli USA ad un passo dal default? Ma per favore…

Scritto il alle 11:35 da Danilo DT

government-shut-down-usaDopo circa due anni si torna a parlare di shutdown che porterebbe la nazione americana al default tecnico. Ma ipotizzare il fallimento degli USA e quindi un rischio default, è quantomeno inverosimile.

I mercati sta stanno vivendo una fase di “feroce” volatilità a causa delle tante incertezze oggi presenti nel mondo. I temi li conosciamo tutti: Cina in frenata, crisi paesi emergenti, Dieselgate, ISIS, tassi USA ecc.
Ma come la storia insegna, quanto le cose vanno bene, gli elementi potenzialmente negativi vengono quasi “ignorati”. Quando invece le cose cambiano, il “sentiment” inverte e le tendenze diventano ribassiste, accade esattamente il contrario. Quello che di per se NON è un problema, magicamente diventa un rischio siderale.

Equilibrio, cari amici.
Lasciarsi trasportare dalle emozioni è drammaticamente pericoloso, sia che si tratti di euforia da rally e sia che sia depressione da storno.
Recentemente ho letto alcuni timori sulla tenuta finanziaria e dell’eventuale rischio default di uno stato non proprio di secondo livello. Anzi, definiamola pure la realtà più influente: gli Stati Uniti d’America.
Per farla molto breve, tra un mese circa capiterà quello che era “Previsto” e quindi non dovrebbe nemmeno essere considerato (in quanto non sorprende nessuno), ma che in clima di pessimismo cosmico diventa un problema pericolosissimo.
Quindi, in parole povere, gli USA sono a rischio default?

(…) A fare paura, però, è soprattutto giovedì 5 novembre quando il governo Usa americano esaurirà le misure straordinarie fino ad ora utilizzate per evitare di sforare il tetto al debito, il limite oltre il quale non può emettere nuovo debito per finanziare le proprie attività. Lo ha detto ieri il dipartimento del Tesoro, fissando di fatto la tempistica di una nuova battaglia politica. In una lettera all’uscente speaker alla Camera, il repubblicano John Boehner, Lew ha spiegato che “senza il cash sufficiente, sarà impossibile per gli Usa rispettare i propri obblighi per la prima volta nella sua storia”. Senza un’intesa per alzare il tetto del debito, il 6 novembre si fermeranno tutte le attività federali americane provocando l’ennesimo shutdown dopo quello del 2013: due anni fa, fu trovata una difficile intesa poco dopo Natale che garantiva i fondi necessari fino a settembre 2015, ma le risorse ora stanno finendo. (Source)

E rieccolo qui, lo shutdown che tanto ci aveva fatto parlare nel 2013. Ricordate? CLICCATE QUI  se volete rispolverare l’argomento.
La cosa da capire adesso se realmente il rischio shutdown è reale oppure no.
A dire il vero questa volta si sta creando un problema che non esiste.

The Senate passed a U.S. government spending plan hours before a shutdown deadline, sending the bill to the House where Speaker John Boehner promised a vote over objections from fellow Republicans who wanted to use it to defund Planned Parenthood. Bloomberg’s Phil Mattingly reports on “Bloomberg Markets.” (Source: Bloomberg)

Il Congresso americano ha quindi approvato un accordo-ponte tra repubblicani e democratici per evitare lo “shutdown”. Certo, questo piano non risolve definitivamente il problema in quanto rinvia la questione a dicembre dove è necessaria una nuova intesa tra repubblicani e democratici. Ma tra gli operatori c’è una certa tranquillità sulla questione. L’accordo sul debito è visto come una formalità e quindi c’è il rischio che si scateni anche un po’ di volatilità sulla questione, senza dei fondati motivi.

Chiaro, le mie sono supposizioni legate a discorsi fatti con colleghi oltreoceano, quindi discutibili e rivedibili. Intanto teniamo conto di questi fattori e seguiamo l’evoluzione della vicenda “shutdown”. E’ però impensabile che non si raggiunga un accordo tra le parti. Magari anche in “zona Cesarini”, ma io lo darei per scontato. Certo è che nulla vieta la creazione di volatilità utilizzando anche questa scusa. Anzi mi spingo oltre. Se ci fossero tensioni sulla questione, ci potrebbero anche essere ripercussioni sulla politica monetaria USA. Chi ha orecchie per intendere…

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La nuova guida per i tuoi investimenti. Take a look!

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
Gli USA ad un passo dal default? Ma per favore..., 10.0 out of 10 based on 2 ratings
7 commenti Commenta
kry
Scritto il 2 ottobre 2015 at 12:19

Gli USA ad un passo dal default? Ma per favore… continua a stampare che ti passa.

QE4 ormai alle porte ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Scritto il 2 ottobre 2015 at 12:21

Sia ben chiaro, non sto facendo una propaganda alla solidità degli USA, in tutti questi anni credo di aver messo a nudo la realtà delle cose. Mi riferisco solo all’episodio SHUTDOWN e quindi alla possibilità che il Governo accetti di fare fallire “d’ufficio” gli USA.
STOP

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

john_ludd
Scritto il 2 ottobre 2015 at 12:44

è solo l’ennesima stupida battaglia politica tra dem e rep. Per ragioni storiche c’è questa legge che richiede una delibera del congresso per superare una precedente delibera che fissava il tetto del debito etc… Ogni altro paese del pianeta emette debito e stop. Non è neppure una battaglia ideologica in quanto la storia degli ultimi 40 anni dimostra che durante le presidenze repubblicane il debito pubblico è aumentato mooooolto di più di quelle democratiche, ennesima dimostrazione di quanto i media siano popolati da cialtroni che scrivono veline e di quanto la massa sia eminentemente ignorante o del tutto stupida. Per quanto vale, è pure interessante notare che durante la precedente telenovela sullo shut-down i tassi sono scesi e non il contrario come un branco di folli con problemi di agenzia andavano predicando. Nel breve, qualunque evento che porti un governo che detiene la moneta di riserva a ridurre la propria operatività, riduce la quantià di denaro, fa calare i tassi e aumenta il valore della valuta. Su tempi più lunghi, mina la credibilità del sistema paese. E’ una questione di timing ma siccome nessuno ha più tanto tempo chi ha denaro ne spenda almeno una parte, faccia quello che ha sempre voluto fare e vivrà senza rimpianti. Se può e non lo fa, il destino si accanirà su di lui come sempre accade a chi è stupido.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

pasolo
Scritto il 2 ottobre 2015 at 15:23

Danilo DT,

Ciao DT, dopo 3 anni mi unisco a te nella VISIONE NEGATIVA per i prossimi 1-2 anni…
con oggi è scattato il segnale di USCITA dal mercato azionario USA : nei prossimi mesi quindi è altissima la probabilità di recessione e soprattutto SIAMO ENTRATI in un nuovo BEAR MARKET SECOLARE. Mi permetto di consigliare l’accumulo nei prossimi mesi di ORO in dollari.
Ciao Ciao!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 2 ottobre 2015 at 15:50

    Tecnicamente …da oggi…se chiude male…un mio grafichello bello bello dice proprio questo…
    Vediamo che succede.

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: +1 (from 1 vote)

john_ludd
Scritto il 2 ottobre 2015 at 20:14

pa­so­lo@fi­nan­za,

un altro che comprando oro in borsa (carta) contro dollaro (altra carta) pensa di assicurarsi il certificato per la sopravvivenza. Uh ? Dove sta la razionalità di questo ragionamento ? Posso capire (poco) un gold bugger che stiva oro in dobloni in cantina, molto di più comprendo un indiano, lo fa da 2000, o un cinese (che altro può fare ?). La coerenza nelle azioni non garantisce lacunchè ma l’incoerenza è anticamera della delusione…. con simpatia sia chiaro, il momento è ttttopico!!! e qui si ciacola tra amici virtuali.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

warrenbuffett
Scritto il 2 ottobre 2015 at 21:39

A me il segnale uscita era scattato inizialmente come punto di massima attenzione a febbraio 2015, e puntualmente il 21 agosto nel primo pomeriggio!
Come giudichi la reazione di oggi Danilo?
Bye

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+