E in Europa arriva la DRAGHIZZAZIONE

Scritto il alle 09:30 da Danilo DT
la-preghiera-di-draghi

Cario Mario, prega che tutto vada bene…

La Giapponesizzazione rappresenza un concetto abbastanza noto ai lettori di questo blog. Più volte ve ne ho parlato. L’ultima puntata è stata scritta a febbraio e potete rileggerla cliccando qui.
La questione è molto semplice. Quanto sta succedendo in Europa non è certo un caso unico. Certo, le caratteristiche del quantitative easing europeo sono singolari ma lo scenario che si presenta ai nostri occhi non è poi così lontano a quanto abbiamo visto in altre situazioni. Vedi il Giappone.

Con il termine “Giapponesizzazione” intendo raccontare quel processo con cui le economie europee ed americane si ritrovavano col rischio di finire proprio come il Giappone con tassi a zero ed una crescita economica quantomeno anemica, con un evidente rischio deflattivo conseguente ad un crescente debito.
In altri termini è la deflazione da debito, la debt deflation che appiattisce, livella, quasi spegne le speranze proprio perché il debito non permette all’economia di decollare. E il solo il tasso zero non basterà a far risorgere l’economia.

Non posso però dire che Draghi abbia sbagliato a far partire il QE. Forse ha tardato, quello si ma, oggi, aveva altra scelta?

(AGI) – Francoforte, 11 mar. – “Il rallentamento della crescita economica sta mostrando segni di inversione di tendenza”. Lo sostiene il presidente della Bce Mario Draghi, nel corso di un evento a Francoforte. “La ripresa economica – aggiunge – puo’ gradualmente ampliarsi e probabilmente rafforzarsi”. Tuttavia Draghi avverte che le recenti revisioni al rialzo della Bce “sono condizionate alla piena applicazione delle misure annunciate”. (…) Draghi ammette che il programma di acquisto bond non e’ esente da rischi. “Siamo consapevoli che le nostre misure possono comportare dei rischi alla stabilita’ finanziaria”.

Quanto sta sperimentando la BCE è quindi un qualcosa di molto particolare e lo stesso Draghi ammette che non si sta agendo SENZA rischi. In parole povere si tratta di una sorta di “cannibalizzazione” del mercato obbligazionario governativo, tanto che è già percepibile, dopo solo 3 giorni dall’inizio (non dimenticate che si tratta di un’operazione con durata minima prevista di 18 mesi) un certo “effetto rarità” tra i titoli di stato. Molti sono i bond a tassi negativi (qui parlavo della curva tedesca) e la stessa Germania si ritrova con titoli a rendimento negativo fino a 7 anni. Ma non solo. Anche l’Italia ormai la sta clamorosamente raggiungendo. io nostro BOT a 12 mesi esce allo 0.079% lordo. Wow…

E’ quindi partita una grande sfida per Mario Draghi, una sfida che può portare l’Eurozona anche alle frontiere di una cocente delusione. Non dimentichiamo infatti che, oltre alle incognite presenti a causa di un QE, ce n’è un’altra che in molti continuano a sottovalutare. USA e Giappone sono stati VERAMENTE uniti con propria banca centrale. E l’Eurozona cosa è?

Sorpasso storico. Ora i bond 10yr del Giappone rendono PIU' di quelli tedeschi

Sorpasso storico. Ora i bond 10yr del Giappone rendono PIU’ di quelli tedeschi

Però Mario ci prova e allora avanti con il QE, quello che veramente rappresenta una nuova era (ve la ricordate la Nuova Era di cui vi ho tanto parlato?) che entrerà nei libri di storia.
E se il Giappone ha la Giapponesizzazione, in Europa vorrà dire che avremo la Draghizzazione.

Intanto beccatevi questo interessante confronto postatomi dal mitico @_s_u_r_f_e_r che mette faccia a faccia Bank of Japan e Banca Centrale Europea. Che dite? Sono poi così lontane?

bce-boj-a-confronto-politica-monetaria-quantitative-easing

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La tua guida per gli investimenti. Take a look!

 

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
E in Europa arriva la DRAGHIZZAZIONE, 10.0 out of 10 based on 1 rating
9 commenti Commenta
idleproc
Scritto il 12 marzo 2015 at 09:56

Grazie a te e Surfer, illuminante anche lo schema allegato.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gnutim
Scritto il 12 marzo 2015 at 10:03

questi i rendimenti dei trentennali :

Austria .707
Belgio .957
Canada 2.131
Danimarca .569
Finlandia .620
Francia 1.037
Germania .635
Grecia 8.285
Irlanda 1.322
Israele 2.770
Italia 1.841
Giappone 1.475
Paesi Bassi .694
Portogallo 2.215
Singapore 2.889
Spagna 1.827
Svizzera .360
Regno Unito 2.586
Stati Uniti 2.663

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gnutim
Scritto il 12 marzo 2015 at 10:03

avete visto il trentennale italiano?????????

1,841!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

che pazzia è?????

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

idleproc
Scritto il 12 marzo 2015 at 10:06

Se va male la chiamiamo ECBB Euro Central Bad Bank.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 12 marzo 2015 at 10:16

DRAGHIZZAZIONE …. ed io che pensavo fosse ” padulizzazione “. Si ricorda ancora ” La giornata del Risparmio ” ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 12 marzo 2015 at 10:31

Quello che mi preoccupa sono le persone che investiranno nei titoli bancari italiani dopo le prime trimestrali 2015 che saranno fantastiche grazie alle plusvalenze dei titoli di stato. Altro che azioni ci sono titoli di stato che han già fatto oltre + 40% in due mesi.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

reragno
Scritto il 12 marzo 2015 at 10:56

La mancanza di percezione del rischio sul mercato è evidente.
Intanto la Bce fa fare il lavoro sporco alle Banche nazionali. Sappiamo bene che il suo contributo è minimo.
Io comincio a sposare la tesi che questa salita dei corsi faccia solo da apripista a una ristrutturazione del debito nei paesi europei dell’area mediterranea. Avere annichilito i tassi renderà molto più agevole questa manovra ( utilizzo anche della famose clausole in vigore dal 2013) con buona pace degli investitori che ignari dei rischi che corrono comprano debiti che, vista la situazione economica reale, non verranno mai onorati in toto.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 23 marzo 2015 at 23:21

The Honorable Professor Uchikomi Lady Shigeko (Meiji University, 明治大学, the), “The negative effects of rapid depreciation of the Yen and the Bank of Japan’s policy of quantitative monetary easing [QE-QQE] – A need for well-balanced, flexible monetary policy management” – February 25, 2015

http://www.meiji.ac.jp/cip/english/research/opinion/shigeko_uchikomi.html

サーファー © Surfer

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+