FOMC: indipendenza, coerenza ma poco tatto

Scritto il alle 07:31 da Danilo DT

Jerome Powell sorprende nemmeno troppo i mercati, ma la FED doveva far passare un messaggio diverso. Anche perché poi, le banche centrali hanno avuto un ruolo non indifferente per la creazione della grande bolla della liquidità.
E chi lo avrebbe mai detto? Tutto sembrava perfettamente tarato per un discorso “dovish” di Powell. Che per certi versi c’è stato, ma il mercato, ben depresso di suo, aveva bisogno di qualcosa di sorprendente, che non è arrivato.
Qualcuno addirittura puntava ad un rinvio del rialzo dei tassi. No, questo non me lo aspettavo e se arrivava il rinvio era un pessimo segnale. Powell avrebbe pubblicamente ammesso una sudditanza nei confronti di Trump. E invece la FED ci tiene a sottolineare la sua totale indipendenza.
Certo, una correzione sul “forecast” c’è stata: 2 i rialzi previsti per il 2019 anziché 3, ma nel contempo non si è esclusa la possibilità di alzare i tassi a marzo. (“some further gradual increases“, Powell dixit).

Questa frase significa nulla perché ovviamente la FED vedrà la situazione strada facendo. Ma il mercato oggi aveva bisogno di un messaggio più sereno. In altri termini, Powell si è dimostrato troppo freddo ed insensibile ai mercati. Come è giusto che sia. La FED deve ragionare freddamente. Però è altrettanto vero che la stessa FED, con le gestini precedenti, è stata complice di questa bolla, di questa economia e di questo mercato. Powell quindi sbaglia a rinnegare il passato, e questo il mercato non lo ha digerito.

Poi siamo d’accordo, la logica ci fa pensare che Powell, oggi, non avrebbe grossi motivi per interrompere la sua corsa al rialzo dei tassi. Pensatici: la disoccupazione è ai minimi storici, l’attività economica robusta, i consumi forti, i margini elevati. Però, caro Powell, guarda in faccia la realtà. Immobiliare che frena, il sentiment globale è in deterioramento, il mondo sta frenando.

In conclusione, quindi, la FED proclama la sua indipendenza con orgoglio, ma a che “pro”? Per coerenza? Sicuramente, però i mercati si basano sulla fiducia. E l’atteggiamento di Powell non è stato gradito. La realtà poi verrà a galla ed i mercati capiranno i toni del messaggio.

La FED sarà indipendente, ha un programma in testa ma si adeguerà strada facendo. In altri tempi (anche solo 6 mesi fa) un messaggio del genere veniva letto con tranquillità e serenità. Oggi con i mercati nevrotici, tutto risulta a tinte fosche. E la FED questo doveva valutarlo, visto che è corresponsabile della grande bolla della liquidità.

FOMC DOT Plot

Chiudo con il Dot Plot. Il mercato continua ad avere una view ben diversa rispetto alla media FED.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (5 votes cast)
FOMC: indipendenza, coerenza ma poco tatto, 9.8 out of 10 based on 5 ratings
3 commenti Commenta
tuscany
Scritto il 21 dicembre 2018 at 10:21

Mi sembra chiara la volontà di far scoppiare la bolla da essi creata…
Copione già visto, è la stessa dinamica che venne attuata in €uropa 10 anni fa.
Si salvi chi può!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 21 dicembre 2018 at 11:09

Caro Danilo, con questi chiari di luna……..immaginare altri 2 rialzi dei tassi nel 2019 spaventa eccome !!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 21 dicembre 2018 at 15:14

personalmente vedo con maggiore preoccupazione il drenaggio di liquidità attuato dalla FED che non l’aumento dei tassi che era dato ormai per scontato…….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+