Cerca nel Blog

FOMC e TASSI USA: sicuri che ci sia il “nulla di fatto”?

Scritto il alle 14:30 da Danilo DT

FOMC-StatementQuasi in sordina, oggi è il giorno di una nuova riunione del FOMC. In sordina perché l’attenzione degli operatori è concentrata altrove e non certo su quella che è data come una decisione più che scontata.
Quindi che aspettarsi? Tassi (ovviamente) invariati ma con un appunto sul quadro macroeconomico che è visto in miglioramento. Ebbene si, avete letto giusto. Malgrado questo però, mi aspetto sempre molta cautela nelle parole della Yellen, vista l’incertezza non tanto a livello USA ma soprattutto a livello Europeo, con la Brexit che i mercati quasi hanno dimenticato, e la crisi del settore bancario, che troverà delle maggiori risposte (molto politiche) nei risultati degli stress test di fine settimana (per chi non lo sapesse, gli stress test verranno comunicati al mercato venerdi sera alle ore 22).

Ma attenzione, se questo è quanto possiamo aspettarci dal FOMC, c’è un di più che potrebbe nuovamente affiorare. Se conosciamo bene i nostri polli (sarebbe meglio dire “galline” visto che parliamo della Yellen e del suo pollaio), nel gioco del “tira e molla” tornerà fuori il discorso “aumento dei tassi di interesse”.
Mi aspetto quindi che la buona Janet se ne esca con una frase del tipo:

“…permane l’incertezza a livello globale, ma se le condizioni economiche e finanziarie non solo a livello USA resteranno stabili nei prossimi mesi (quindi se ci sarà la calma apparente sui mercati finanziari, ndr), i dati macroeconomici dovrebbero poter convalidare la tesi di una prosecuzione del percorso di rialzo graduale dei tassi di interesse”.

Ci saranno condizionali ovunque, e non potrà essere che così, sia perché è lo stile della Yellen e sia perché ben poche sono le certezze che ci guidano, ma la possibilità di nuovi rialzi dei tassi non si può certo escludere.
Ma quando?
Se non capita nulla, secondo molti il primo rialzo avverrà a settembre. Ma sarà necessaria la calma sui mercati e soprattutto non ci dovranno essere impatti negativi per eventuali discorsi propedeutici in questa direzione.

Quindi, in conclusione, a luglio tassi fermi, ma vista la congiuntura economica nuovamente positiva, si cercherà di annunciare velatamente la possibilità di futuri prossimi rialzi. Ripeto, annunci molto velati, in modo tale da tastare il polso dei mercati. E poi, tanto si vedrà. Intanto il CESI vi illustra perché vi parlo di un quadro economico migliore delle attese.

GRAFICO CESI USA

cesi-usd-index-2016Se poi però andiamo a vedere il mercato cosa ne pensa, ad oggi, prima del FOMC, scopriamo che solo il 26.4% degli operatori si aspettano un rialzo a settembre (e quasi tutti si aspettano un nulla di fatto a luglio).
Quindi, SE veramente la Yellen se ne uscirà con questo discorso, qualche movimento a livello di mercato non si può certo escludere.
Ma attenzione, questa è la mia view previsionale e potrebbe essere non corretta. Come potrebbe essere non corretto il fatto che solo a marzo 2017 la maggioranza degli operatori (55.9%) vede il primo rialzo dei tassi di interesse.
Il mercato è bello anche per questo, e provare ad esporsi nasconde dei rischi, ma almeno si evita di continuare a parlare del sesso degli angeli e si cerca di essere costruttivi, non credete?

A quando il prossimo rialzo dei tassi FED?

rialzo-tassi-fed-quando-prossimo-rialzo-2016-2017

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.9/10 (7 votes cast)
FOMC e TASSI USA: sicuri che ci sia il "nulla di fatto"?, 9.9 out of 10 based on 7 ratings
Tags: , ,   |
2 commenti Commenta
zanella51
Scritto il 27 luglio 2016 at 16:54

prima delle elezioni presidenziali non sono mai stati fatti aumenti dei tassi perciò a settembre ci sarà il nulla di fatto se mai avverà l’aumento ed io ci credo poco sarà non prima di dicembre

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Scritto il 27 luglio 2016 at 22:11

…posso dire che ho fatto tombola? LOL….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!
outlook-2017-iam

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

[email protected]

Commenti recenti
  • Lukas su ELEZIONI FRANCIA: evitata l’Euro Frammentazione
  • [email protected]@finanza su TRENDS 2.0.32: il canto del Galletto
  • [email protected] su ELEZIONI FRANCIA: evitata l’Euro Frammentazione
  • [email protected] su ELEZIONI FRANCIA: evitata l’Euro Frammentazione
  • [email protected] su ELEZIONI FRANCIA: il vero rischio non è la Le Pen
  • [email protected]@finanza su TRENDS 2.0.32: il canto del Galletto
  • Danilo DT su ELEZIONI FRANCIA: il vero rischio non è la Le Pen
  • 元サーファー su ELEZIONI FRANCIA: il vero rischio non è la Le Pen
  • [email protected] su ELEZIONI FRANCIA: il vero rischio non è la Le Pen
  • 元サーファー su ELEZIONI FRANCIA: il vero rischio non è la Le Pen

Google+