Elezioni 2013: vince l’ingovernabilità. Chi governerà ora l’Italia?

Scritto il alle 07:53 da Danilo DT

La giornata di ieri sui mercati finanziari è stata condizionata, come si temeva, proprio dalla politica, dagli istant poll prima, e dagli exit poll dopo.
Abbiamo visto la borsa decollare sulle previsioni di una maggioranza, come prevista, che preponderava a centro sinistra. E poi… pluff… Exit poll e sorpresa dei mercati.
Da +3 e fischia a FTSEMIB negativo. E lo spread Bund BTP che si comporta di conseguenza…
Poi le borse chiudono, Piazza Affari si salva a +0.76% e si parte con dati più concreti e non solo aria fritta. Ecco i numeri snocciolati dal Viminale. Ed ecco alla fine i dati finali con il grande vincitore: l’ingovernabilità.
Come dice giustamente Lucia Annunziata,  il vincitore reale di queste elezioni è il Movimento 5 Stelle. Lo è per ragioni numeriche perché è il primo partito italiano, ma lo è soprattutto per ragioni sostanziali: è Grillo ad avere raccolto il consenso di chi vuole cambiare il sistema, e ad aver dato forma a quel ricambio generazionale – da così tante parti voluto e augurato per l’Italia. Il Movimento coagula insomma intorno a sé tutte le spinte “rivoluzionarie” che finora aveva mobilitato la sinistra. Poi, magari, scopriremo che anche questa è una illusione: ma per una buona parte della sinistra l’alfiere del cambiamento oggi non sono più né il Pd, né Di Pietro, né Ingroia, né Vendola, ma le bandiere stellate.

Grafico intraday FTSEMIB

Questi sono i risultati finali ufficiali.

I risultati al SENATO: ELEZIONI 2013 

I risultati alla CAMERA: ELEZIONI 2013 

E come dicevo prima, ora è vero CAOS:

Quando sono state scrutinate 59.899 sezioni su 60.431, per il Senato i dati parlano chiaro: Pd-Sel 31,6%, Pdl-Lega 30,7%, M5S 23,8%, Monti 9,14%. Numeri che vogliono dire ingovernabilità. Per effetto della legge elettorale il centrodestra, pur percentualmente inferiore vince nelle Regioni che eleggono più senatori e così arriverebbe oltre i 115 senatori a fronte dei 120 che andrebbero ai progressisti (esclusi quelli eletti all’estero). Ai quali non servirebbe il soccorso di Monti che con i suoi 16 senatori non sarebbe utile a raggiungere una maggioranza assoluto. Mentre i 58 eletti accreditati a Grillo sono da considerarsi in frigo a meno di clamorose retromarce del leader del Movimento 5 Stelle. (Source) 

La sostanza di tutti questi ragionamenti è che non possiamo non avere un governo, eppure non si riesce a capire come lo si costruisce.

Che facciamo? Una mega coalizione Pd-PdL? La vedo grigia. Oppure un accordo coi Grillini? Non facile.

Morale: si torna alle urne? Forse si, è necessario. E nel frattempo?


Nel frattempo i mercati dovranno prendere atto dell’ingovernabilità. E se ricordate bene, era uno degli scenari che si dovevano scartare a priori, tra le opzioni “non gradite” . Sopratutto dall’Estero.
Quindi per quanto ci riguarda, domani che possiamo aspettarci dai mercati?
Tanto per cominciare guardiamo alle chiusure oltrefrontiera. Wall Street ha chiuso decisamente male, con uno S&P 500 a -1.83%. Ebbene si, per una volta SIAMO NOI il market mover per eccellenza. Quindi diventa palese che domani mattina dovremo aspettarci un’apertura negativa. E poi la giornata continuerà nella volatilità, ma sempre con un tono negativo.
E quindi, massima allerta. La tendenza ribassista del nostro FTSEMIB è stata confermata in close ieri sera. E i dati politici della nottata non hanno certo migliorato il sentiment.

Grafico FTSEMIB

STAY TUNED!

DT

Seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Elezioni 2013: vince l’ingovernabilità. Chi governerà ora l'Italia?, 10.0 out of 10 based on 1 rating
4 commenti Commenta
calciatore
Scritto il 26 febbraio 2013 at 06:18

HA VINTO CHI HA DETTO NO A :

LE POLITICHE DI AUSTERITY EUROPEE
LA MONETA EURO CHE IN 10 ANNI HA DISTRUTTO L’EUROPA
I TECNOCRATI AL POTERE ASSERVITI AI BANKERS
CESSIONI DI SOVRANITA’ A FAVORE DI COLORO CHE VORREBBERO AFFOSSARE LO STATO SOCIALE
ULTERIORI IMPOSIZIONI DI TASSAZIONI INCOMPATIBILI CON I REDDITI ATTUALI.
praticamente un no all’europa e ai finanzieri prestati alla politica, la quale missione era di socializzare le perdite e privatizzare i profitti. Si, c’e una maggioranza a conti fatti: chi ha detto no all’euro e all’europa. Bene cosi’!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 26 febbraio 2013 at 08:12

    Ora però bisognerebbe concretizzare un qualcosa. Occorre governare. Ma la vedo grigia con questi numeri

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)

pecunia
Scritto il 26 febbraio 2013 at 09:03

Buongiorno DT!

Le urne hanno detto no alla magistratura in politica, nonche al “Bruto” di turno.

A governare nel breve CI PENSERA’ LO SPREAD, del resto l’ha già fatto……

In seguito, io spero comunque in un ravvedimento operoso per il bene del paese e dei suoi cittadini.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

ferrariferrari
Scritto il 26 febbraio 2013 at 09:16

abbiamo proprio bisogno di un governo e di un parlamento di ladri? in italia ci sono oltre 300.000 leggi, codice civile e penale, procedura civile e penale, leggi amministrative, leggi tributarie e fiscali, giudici che applicano le leggi, polizia e carabinieri, ospedali e norme sanitarie.. etc, la vita economica e sociale può andare avanti anche senza essere governati (derubati), l’unica cosa che manca quando non c’è un governo è una rappresentanza internazionale per la stipula dei trattati internazionali, ma il presidente della repubblica potrebbe svolgere tali funzioni….più che una provocazione…è uno spunto di riflessione.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Euro o non Euro....questo è il problema?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+