DOW JONES: 20.000 punti abbattuti. Tutto il resto è relativo.

Scritto il alle 08:56 da Danilo DT

dow-jones-industrial-average- shale-oil

Ormai ero abituato a leggere i tweet di @POTUS con la mano di Obama, oggi invece mi trovo ancora un po’ spiazzato nel trovarmi il Neo Presidente Donald Trump. Mi ci abituerò sicuramente. E proprio @POTUS ieri annunciava con entusiasmo la rottura di quota 20.000 punti del Dow Jones.

 

Evviva evviva quindi, DJIA che rompe l’area critica psicologica dei 20000 punti e si dirige verso l’ignoto.

The Dow Jones Industrial Average on Wednesday closed above the psychologically significant threshold of 20,000. Finishing at the level represents a milestone for the blue-chip gauge and highlights a relatively speedy path higher for the stock market in the wake of Donald Trump’s election win in November.

The Dow DJIA, +0.78% is up about 9.5% since Trump’s Nov. 8 election victory, the S&P 500 index SPX, +0.80% has gained nearly 7%, while the Nasdaq Composite Index COMP, +0.99% has advanced roughly 9% during that period. (MW)

Grafico Dow Jones

grafico-djia-dow-jones-20000

Ed è innegabile che parte del merito va sicuramente alla Trumponomics e alle aspettative che ha saputo creare. E poi ovviamente, non dimentichiamolo mai, sono sempre gli utili che alla fine comandano la borsa e quindi le buone trimestrali di questi ultimi giorni hanno certamente aiutato.

utili-dj-2016-4q-earning

Ma ancor di più le aspettative. A cominciare proprio dal settore più lobbistico (con un elemento di tale lobby con ruoli politici non indifferenti, mi riferisco a Mnuchin, ministro dell’Economia ed ex dirigente di Goldman Sachs che guarda caso è anche una delle banche che meglio ha performato in questi mesi. Senza poi dimenticare che un quadro di mercato con tassi in salita è amico del settore bancario.
Non stiamo cercando delle giustificazioni ma facciamo una cronistoria delle motivazioni che stanno spingendo il mercato al rialzo.

dow-jpnes-top-performer

Quindi il mercato ora va a favore dell’equity, nuovamente. Seguire gli eventi è l’unica cosa che bisogna fare, non inventarsi nulla ed adeguarsi “passivamente”. Essere creativi, in questo ambito, non paga. Almeno così anche chi continua a dire che siamo iperbearish forse inizia a capire la nostra filosofia che resta trend follower ma che cerca di capire quali sono le prospettive future. Ed è su queste che ci sono delle nubi. Ma per questo aspettiamo, per il mercato USA, la Trumponomics e l’evoluzione del ciclo economico.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)
(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.8/10 (4 votes cast)
DOW JONES: 20.000 punti abbattuti. Tutto il resto è relativo., 9.8 out of 10 based on 4 ratings
Tags:   |
3 commenti Commenta
adsodimelk
Scritto il 26 gennaio 2017 at 09:22

da mesi non ne prendi una…vedi solo rischi problemi e mai opportunità. a leggerti dovevamo stare short da novembre o addirittura post brexit….ovvio…nessuno ha la sfera di cristallo ma il tuo modo di guardare i mercati è sempre parziale e ristretto.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -3 (from 7 votes)

Scritto il 26 gennaio 2017 at 10:36

ad­so­di­melk@fi­nan­zaon­li­ne,

Vedo rischi e problemi perchè ci sono rischi e problemi. E la gente non se ne rende conto. Poi se tu credi che siamo in un mondo perfetto allora accomodati e goditi lo spettacolo.
Se guardi il grafico del DJIA è evidente una fase di lateralità che era di tipo distributivo.
Ora ha rotto al rialzo e vediamo che arrivano anche le conferme, Oppure non è così?
Un’altra cosa. questo è un blog. Dico quello che penso. Per il resto c’è una tonnellata di carta e siti a disposizione. I miei pareri sono personali. Se così non fosse, perchè dovrei avere un blog? Inoltre, come spesso accade, si fa confusione tra quello che è il quadro di mercato macroeconomico ed quanto invece il mercato sta facendo e scontando.
Poi io sono l’ultimo degli ignorati ed un pessimo analista. Quindi fai bene a diffidare del sottoscritto.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +10 (from 10 votes)

gainhunter
Scritto il 26 gennaio 2017 at 14:00

Nell’investimento e nel trading ci sono sempre dei rischi, piccoli o grandi. Danilo ci mostra quali sono questi rischi, che ci sono e sono reali, poi sta a ognuno valutare se fare operazioni o meno, se fare hedging o meno, in base alla propria avversione al rischio.
Se Danilo decidesse di non considerare o sottovalutare un certo rischio sovrapporrebbe la sua valutazione alla più o meno grande avversione al rischio individuale di chi legge.
Questa è la mia chiave di lettura di questo blog.
E nonostante questi rischi le indicazioni di analisi tecnica rialziste ci sono state, quindi io non vedo bias ribassista generale ma solo l’evidenziazione di rischi presenti e di fondamentali spesso scollati dal trend.

Danilo DT,
Per cui, per quanto mi riguarda, avanti così e grazie!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -2 (from 2 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+