Disoccupazione USA: come interpretare i dati (in modo corretto)

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Che burloni questi americani! Si divertono sempre a snocciolare dati su dati macroeconomici. Ma poi si dimenticano di dirci come stanno le cose…
Ovviamente il dato di stasera era fondamentale ed atteso da tutti. Il tasso : previsto al 7.9% come la precedente rilevazione, esce invece al 7.7%. WOW! Ottimo! Quindi economia che corre e diosccupazione che scende!
Facciamola breve. Eccovi un grafico abbastanza esplicito.
Troverete 3 dati.

Tasso di disoccupazione USA
Tasso di occupazione USA
Forza lavoro attiva USA

Cosa notate?

1) la disoccupazione scende
2) ma il tasso della forza lavoro scende
3) e quindi il numero di OCCUPATI è stabile.

Morale: è meglio dire che la disoccupazione è diminuita oppure che, diminuendo il numero di potenziali lavoratori, è tutto assolutamente STABILE rispetto alla rilevazione precedente?
Questione di punti di vista…

STAY TUNED!

DT

| Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Disoccupazione USA: come interpretare i dati (in modo corretto), 10.0 out of 10 based on 1 rating
  1. Dati disoccupazione USA: resta il grande inganno
  2. Mercato Lavoro: la verità sui dati disoccupazione USA
  3. Disoccupazione USA: ecco perché scende il tasso disoccupazione e aumentano i disoccupati
  4. Disoccupazione e Occupazione: occorre sapere che negli USA i conti non tornano
  5. Anomalie e segreti della disoccupazione USA

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 5)Commenta

  1. icebergfinanza scrive:

    Household Survey -77K part-time + 102K prima revisione negativa del mese precedente dal oltre 12 mesi… tutto bene in USA e GETTA 8O :D :D :D :D

  2. 7voice scrive:

    HOIDINI A QUESTI GLI FA UN SEGONE ! UNA FARSA IN CONTINUAZIONE , MA QUESTO è ! COMANDANO I BANCHIERI, PUNTO !SOLO CON UN ENERGIA A COSTO ZERO LI FOTTI A STI KORNUTI ! SE NO, è SCHIAVITU’ AD OLTRANZA ! :idea:

  3. Più dell’enfatizzazione dei dati economici, a seconda di come fa comodo interpretarli per giustificare a priori o posteriori un certo comportamento, mi preoccupa l’enorme pubblicità che in questi ultimi giorni si fa sul rialzo delle borse, suoi buoni dati economici e via dicendo.

    Era da molto che non accadeva a questi livelli, con quasi tutti i media professionali e non in linea, amplificati poi dai media locali, più vicini al singolo risparmiatore (leggi pollo da spennare).

    Poca pubblicità è stata data contemporaneamente ai continui tagli di personale da parte delle banche d’affari (J.P Morgan, Citigroup, Goldman Sachs, ecc), che stridono molto in questo scenario!

    Io vedo un netto contrasto fra le due visioni, quella dei mass-media e le mosse delle banche d’affari (fatte sicuramente anche per mantenere alti gli utili ed aumentare la produttività), oppure è il solito tentativo di lasciare il cerino in mano ai soliti polli (vista l’enorme distribuzione)?

    Poi, in campo italiano, durante le rare volte che mi capita di accendere quello scatolone che bito un’evoluzione diventando sempre più sottile ed ipertecnologico (peccato che non succeda lo stesso per i contenuti), mi capita frequentemente la pubblicità di questo prodotto (che assomiglia molto a quello spiegato da Gremlin in un post):
    http://www.poste.it/bancoposta/buonifruttiferipostali/BFP7insieme.html
    In questo caso però si tratta dello Stato, ovvero della Cassa Depositi e Prestiti, che paga pure la pubblicità.

    Infine ciliegina sulla torta le dichiarazioni odierne “molto responsabili”, visto il contesto politico attuale, rilasciate dal responsabile del debito pubblico del Tesoro:

    “Dopo due anni di investimenti massicci su rendimenti molto bassi, questo non può continuare a lungo, perchè in nessun modo questa politica di investimento può soddisfare i clienti”

    http://www.milanofinanza.it/news/dettaglio_news.asp?id=201303081326434489

    Quante sirene che URLANO!

    Cari polli… cercate di tenervi ben strette le ultime piume… tenteranno in tutti i modi di strapparvele!