Debito pubblico italiano: continua la crescita nominale

Scritto il alle 14:00 da Danilo DT

Molto spesso si sentono in televisioni discorsi propagandistici sul debito pubblico italiano. Tutto è sotto controllo, tutto è a posto. Vero, se vogliamo cercare i paesi in vero dissesto finanziario, dovremo cercarli altrove. Non voglio mettermi proprio io a fare discorsi di propaganda politica, però al momento il rapporto deficit/PIL è abbastanza tranquillo. Però il debito pubblico italiano, ahime, non sta di certo calando. E non possiamo continuare a pensare che possa salire all’infinito, visti anche i paletti che Maastricht ci imporrà.

Il volume del debito pubblico italiano

Come potete vedere, il debito non ha fatto che salire e, nel grafico, potete vedere anche lo sviluppo suddiviso per scadenza.

Tipologia debito pubblico italiano

La cosa interessante la si vede poi da questo grafico dove viene presa in considerazione la tipologia del debito pubblico italiano: circa i 2/3 del debito pubblico (62.4%) è composto da tasso fisso. Il che significa una cosa: nel male c’è una cosa che può aiutarci a diminuire il debito pubblico in modo “indiretto”, ovvero l’inflazione (e conseguente aumento dei tassi).

Riusciranno i nostri eroi ad abbattere le mura del debito pubblico italiano solo sperando nella venuta di una fase iperinflattiva? Molto difficile. L’intervento necessario è sicuramente più capillare e doloroso. Ci vogliono manovre finanziarie ed austerity. Sperare, coi livelli di debito raggiunto, procura solo ulteriori danni.

STAY TUNED!

DT

Ti è piaciuto questo post? Clicca su Mi Piace” qui in basso a sinistra!


Vota su Wikio!
Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su database Bloomberg | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!) | Vuoi provare il Vero Trading professionale? PROVALO GRATIS! |
Seguici anche su Twitter! CLICCA QUI! |

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
1 commento Commenta
hironibiki
Scritto il 7 giugno 2011 at 17:18

Io leggevo anche di una cosa che Bruxelles incalza l’Iatalia dicendo che deve aumentare l’occupazione giovanile, che deve ridimensionare i conti, ecc..
Ma come si fà? Qui mi sembra di assistere ad un’Europa capace solo di “bacchettare” i PIIGS e basta. Ma dai come si può pensare di ridimensionare il debito pubblico stimolando nel contempo economia e ricerca? Si forse con il gutalax si stimola qualcosa. Ma non credo si riferiscano a quel particolare “stimolo”.
Bah che schifo, tutti a sentenziare in Eurolandia e nessuno che prende una decisione saggia: basta WTO, ritorno ad un’economia locale.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

EURO: quale futuro ci attende?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+