DAX: seconda puntata della caccia al tesoro

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

Guest post con e : un’affascinante ed interessante analisi sul benchmark europeo delle borse.

E’ ora di riprendere i nostri viaggi paralleli lasciati in sospeso, tutti intimamente legati da un comun denominatore che è l’analisi ciclica. Nel frattempo un pisano ha gia inziato il conto alla rovescia a modo suo 377, 233, 144, 89, 55… Insieme al fido nostromo Leonardo Fibonacci, in un prossimo e futuro Appunto, isseremo le vele e punteremo la prua verso nuovi e ignoti confini dell’analisi tecnica guidati dalla Elliott wave Theory.

Ma torniamo alle nostre mappe decifrate nei suoi misteriosi acronimi, agli indizi collezionati, a quegli appuntamenti misteriosi di Dax. Torniamo alla ricerca del tesoro, torniamo dunque al TREND.

Sarà indispensabile per proseguire la lettura ripercorrere la prima parte della caccia al tesoro prima di scoprire insieme in quale luogo e in quale tempo della nostra mappa quel denominatore condiviso sia dalla storia recente dei mercati finanziari, sia dall’inseguimento a colpi di trovate machiavelliche di Dax, sia dalla ricerca del tesoro nascosto nei prezzi futuri, sia per finire e soprattutto dall’apprendimento delle cognizioni cicliche applicate nella quotidianità di Appunti, ci guiderà.

Siamo consci di aver intrapreso un viaggio nel buio, dove comprimari e protagonisti dell’avventura sapranno ancora sapientemente mescolare validi indizi e insidiosi inganni? Abbiamo messo in preventivo impreventivabili colpi di scena? Sapremo resistere a lusinghe e tentazioni che incontreremo sul nostro percorso?

***

Ma Circe me prese per mano, e trasse
Da parte, e a seder pose; indi, seduta
Di contra, interrogommi, ed io su tutto
La satisfeci pienamente. Allora
Tai parole sciogliea l’illustre diva:
“Tu compiesti ogni cosa. Or quello ascolta,
Ch’io vo’ manifestarti, e che al bisogno
Ti torneranno nella mente i numi.
Alle Sirene giungerai da prima,
Che affascìnan chïunque i lidi loro
Con la sua prora veleggiando tocca.
Chïunque i lidi incautamente afferra
Delle Sirene, e n’ode il canto, a lui
Né la sposa fedel, né i cari figli
Verranno incontro su le soglie in festa.

SULLE TRACCE DEL TREND: IL PUZZLE

Sì? Allora riprendiamo la ricerca ordinando meticolosamente gli indizi che abbiamo raccolto sulla prima delle mappe rinvenute.

Dax Mensile – Mappa ciclica

Nel marzo 2000 un nuovo ciclo T+8, o a due mani, Inverso o dei Top conosce il proprio inizio da 8136 e da quella coordinata spazio-tempoiniziamo l’inseguimento di Dax. Tale oscillazione quasi eterna, consumati ormai 154 mesi ben sappiamo aver conosciuto il suo massimo dopo soli 3 anni e nella sua prima parte (T+7 o ciclo a 5 dita), precisamente nel marzo 3003, da cui intraprende un lungo viaggio, TREND, alla ricerca della sua chiusura.

Abbiamo poi ispezionato con attenzione i passi di Dax nei pressi della chiusura del 1° T+7 Inverso o dei Top fra luglio e dicembre 2007: viene protetto e nascosto dall’infido Lingua di Bayer e per meglio ancora occultare le proprie tracce e le proprie intenzioni ci consegna un doppio massimo che, come abbiamo argomentato in prima parte del viaggio, può solo farci supporre un vincolo ribassista ricandente sul 2° T+7 inverso.

In altre parole e fuori metafora Dax ha un appuntamento obbligato, per chiudere il T+8 inverso, in un punto dello spazio e in conclusione dell’ultima tappa (CICLO) per quanto riguarda il tempo. Ci arriveremo!

Dall’altra parte della Mappa, nell’estremo sud, avendo ormai metabolizzato che, a parità di ordine ciclico, dove l’indice (ciclicità daibottom) conosce il suo minimo il suo inverso (ciclicità de top) sta segnando il suo massimo, non potremo che individuare con certezza la partenza di un nuovo TREND di lunghissimo periodo, T+8, di Dax dal minimo di marzo 2003.

Siamo sempre a marzo, questa volta del 2009, dove il primo T+7 di indice trova la sua chiusura consegnandoci una sequenza del suo sottociclo di un ordine inferiore rialzo-ribasso.

Preziosa indicazione che regala una garanzia fondamentale al nostro puzzle: se il T+7 è consistente esiste un vincolo che obbliga ad una chiusura con polarità negativa l’ultimo ciclo a due-tre anni o T+6, solitamente dunque il quarto, che dovrebbe accompagnare il secondo T+7 in vita dal 2009 e il T+8 che ancora galoppa dal 2003 a conoscere la loro simbiotica chiusura ciclica.

SULLE TRACCE DEL TREND: 3° TAPPA – NEVER FIGHT THE FED

Siamo nell’anno del Signore 2013 d. C. e nell’anno della Fed QE3.

Abbiamo già raccontato in una precedente inchiesta esclusiva su Appunti  i piani strategici individuati dalla Federal Reserve per salvaguardare i felici e collaudati equilibri finanziari che governano l’economia globale. Non rincorriamo dunque facili lusinghe e facciamo nostro quel monito che la Maga Circe rivolge ad Ulisse nella sua Odissea perché ormai… ormai ci siamo! Siamo in seconda parte, rispettivamente del T+8 inverso e del T+8 di indice; siamo in seconda parte poi sia del secondo T+7 di inverso che di indice. E non finisce qui: siamo anche in seconda parte di T+6 di inverso e di indice pure. Ora ci siamo, possiamo ormai provare a immaginare quali possano essere gli appuntamenti di Dax, assaporare l’ebrezza di toccare con mano il sospirato tesoro. Scopriamo le carte ormai finalmente decifrate delle ultime tappe previste da Dax nel suo salgariano tentativo di nascondere il tesoro.

Terra! Terra! Terra! Dove? Lassu! Ma come? Ma dove?

Ve li ricordate quei 15 punti, quegli sporchi e infidi 15 punti con cui Dax ritorna con un doppio massimo sui suoi passi iniziali?

Ebbene, quel vincolo, se la sua impalpabilità numerica non sarà un trabocchetto, obbliga il prussiano a ritornare almeno ed ancora una volta là dove tutto era inziato: un banale ciclico vincolo ribasso da rispettare chiede al 2° T+7 e al T+8 inversi di spegnersi almeno (almeno che non vuol dire a) sopra 8151 punti indice.

Sì, va bene. Bravi, applausi… Ma quando?

Il quando, così come una via via più precisa e conseguente collocazione deldove, allorché la nostra ricerca trovasse nei prossimi mesi riscontri, non è più lasciato al caso o alle volubili stranezze di Dax.

Abbiamo individuato le tappe, i CICLI, che ci guidano. Siamo in seconda parte ed in fase ribasso sull’inverso, lo abbiamo già detto, per cui, ormai lo dovremmo sapere:

nel T+8 in fase ribasso ed in seconda parte non è ammesso un ciclo Annuale inverso o T+5 positivo;

nel T+7 in fase ribasso ed in seconda parte non è ammesso un ciclo Semestrale inverso positivo;

nel T+6, in corso da maggio 2011, ormai negativo oltre che in fase ribasso e collocabile nel suo secondo Annuale non è ammesso un Intermedio inverso positivo.

 

Le conclusioni a questo punto non possono più essere oscure, abbiamo individuato dove, o meglio da che prezzo in su, Dax dovrebbe nascondere il tesoro; possiamo farci persino una idea del quando seppur non precisa ma sapremo per certo come e quando avrà abbandonato il tempo e il luogo del misfatto. Ma queste ultime piccole ma preziose fatiche sono lasciate alla curiosità dei notri lettori, a questo punto ben equipaggiati di cognizioni tecniche e metodologia di ricerca, sempre che non abbiano nel frattempo deciso di cambiare programma per seguire la dodicesima replica di…

SULLE TRACCE DEL TREND: 4° TAPPA – IL FUTURO

L’avventura è finita? Rompete le righe? Tutti a casa, o meglio, ad attendere Dax ed il suo tesoro? Pernienteaffatto! Innanzitutto la guerra di religione non finisce 3 a 2. Cosaaa??? Ma quale guerra? I più attenti lettori avranno colto come la simbologia rinvenuta sulla Mappa recasse nel lato nord ed in bianco i numeri 1, 2 e 3 in antico ebraico mentre nel lato sud ed in giallo la numerazione appartenesse alla numerologia araba.

Ma Bismark, nel consegnare le mappe al fidato Dax in quel loro lontano incontro del 1871, non volle di certo sbilanciarsi e aveva diplomaticamente apposto in bella calligrafia e di proprio pugno in una ultima mappa anche un 3 a sud ed in carattere arabo dove indicò al suo fidato viaggiatore di celare la parte più cospicua del tesoro.

Siamo anche in seconda parte del T+8 di indice, esso invece ancora in fase rialzo dopo avere lasciato alle proprie spalle 118 candele mensili. Tale fase rialzista è affidata al quarto T+6 che dopo un primo Annuale positivo sta percorrendo il suo secondo T+5 da giugno 2012. Sappiamo però che l’ultimo T+6 dell’intera oscillazione che ha preso piede dal minimo di marzo 2003 ha un obbligo piuttosto preciso: in osservanza di quanto il suo gemello secondo T+6 ha sperimentato da giugno 2006 a marzo 2009 in consistenza di T+7 anche esso dovrà rispettare la medesima polarità e chiudere la sua corsa sotto il livello da cui è partito.

Ove dunque l’attuale e quarto T+6 fosse anche l’ultimo del T+8, affermazione non scontata e lasciata alla controprova di Dax, il suo battito ciclico dovrebbe spegnersi sotto 4965 presumibilmente almeno nel 2014. Nel mentre possiamo sì posizionare i nostri Autovelox di Controllo all’inseguimento di Dax che, in fase rialzo verso nord, ove smarrisse la strada:

sotto 6950 avvierebbe la fase ribasso di T+6 e T+7

sotto 5914 confermerebbe insindacabilmente la fase ribasso del T+8

 

E per completare il quadro consegnamo al buon senso del lettore le altre mappe rinvenute nella Cripta di Sant’Eusebio all’inizio della nostra avventura. Buona caccia! – direbbe il capo scout al branco.

SULLE TRACCE DEL TREND: 5° TAPPA – LE CARTINE

T+8 mensile

T+7 settimanale

T+6 settimanale

T+5 Annuale – weekly

T+4 Semestrale – daily

 IL TESORO

Siamo davvero a conclusione della parte comune del viaggio ma il monile più prezioso, quello della conoscenza, della metodologia analitica, dell’esperienza da trarre dagli inevitabili errori che saranno stati commessi, ormai è stato portato alla luce. Trend, cicli, prezzo e tempo sono stati, per quanto possibile, sviscerati in questa avventura. La ricerca, dei tanti tesori ancora da scoprire continua, spero, ancora insieme ed in nuovi insperabili percorsi.

E di quanto, tanto o poco che risulterà, avremo sbagliato o non previsto nella nostra ricerca sapremo, come sempre, farne TESORO, il più prezioso.

In attesa, magari, dell’ultimo colpo di scena ciclico, il tre tempi, ovvero la terza parte della nostra caccia al tesoro. Ma se un terzo atto ci sarà, il copione sarà sempre Dax a scriverlo e noi ad interpretarlo. Come sempre, Appunto!

SI RIPARTE

Appunti di Lunedi 7 gennaio 2013, ore 11,25

Dax tf 60 – T-1

Primo T-3 a 10 ore di battito del primo T-2 del T-1 in corso dalle ore 10 del 4/1 di un Mensile giunto a….

 
SOURCE: Appunticiclici

Brigitrader

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI| e seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete |


VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
DAX: seconda puntata della caccia al tesoro, 10.0 out of 10 based on 1 rating
  1. DAX: aperta la caccia al tesoro
  2. DAX vs BUND: analisi ciclica e correlazioni
  3. ANALISI CICLICA: evoluzioni del DAX e ciclo Tracy
  4. ANALISI CICLICA: aggiornamento DAX
  5. ANALISI CICLICA: ciclo Tracy +1 bisettimanale per DAX e SP500

Commenti (n° 2)Commenta

  1. gainhunter scrive:

    “I più attenti lettori avranno colto come la simbologia rinvenuta sulla Mappa recasse nel lato nord ed in bianco i numeri 1, 2 e 3 in antico ebraico mentre nel lato sud ed in giallo la numerazione appartenesse alla numerologia araba.”

    Ecco, lo dicevo che scrivevi in arabo :D
    Sto scherzando, ovviamente.
    Dato che non si può affrontare una caccia al tesoro senza preparazione, o si studia o è meglio restare a casa. E allora vado a prepararmi.
    Complimenti, anche per la fantasia! :)

  2. gainhunter,

    Questa è bella! :wink: