CROAZIA: benvenuta nell’Unione Europea (si fa per dire)

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

L’Unione Europea ufficializza l’ingresso del paese numero 28. La Croazia.

A festeggiare ovviamente è sopratutto la stessa Croazia, ovvero l’entrante, un ulteriore anello debole che va ad aggiungersi ad un sistema economico già debilitato, disunito e che fa acqua da tutte le parti.

«Questa notte non scappiamo, restiamo qui con le nostre nuove pesanti responsabilità – ha detto il premier croato Zoran Milanovic – e tendiamo la mano agli altri Paesi di questa regione assieme ai quali facemmo una comune lotta contro il fascismo, per la solidarietà e la libertà. Un successivo terribile periodo bellico ci ha divisi dalla Serbia, ma oggi possiamo dire che quello che abbiamo fatto è stato un percorso giusto che ci ha portati a essere un grande Stato che ha raggiunto standard molto elevati nella difesa delle libertà e nella tutela delle minoranze. Uno Stato che si sente parte dell’Occidente, ma vuole essere un ponte con i Balcani che ritiene altrettanto importanti anche per le tradizioni che guardano a Est, perché il Mediterraneo è oggi un punto di unione». (Source)

Già, il pensiero va subito a Sarajevo e alle tante città martoriate da un conflitto bellico assurdo… Serbia, Croazia, Montenegro… non dimentichiamo mai cosa è successo, cosa hanno fatto, ed i genocidi visti negli anni più bui…

Ma lasciamo perdere tutto questo. Se la Slovenia, nostra vicina di casa ed ovviamente fortemente collegata alla Croazia, oggi rappresenta un problema per l’UE, come possiamo in prospettiva epnsare che la Croazia non rischi altrettanto? Forti sforzi per entrare nell’UE. Ma il conto si presenterà più avanti. E’ una storia che si ripete ciclicamente e colpirà anche la Croazia.

Intanto credo di poter dire che l’Unione Europea poteva sopravvivere anche SENZA la Croazia, che alla fine chi ci guadagna sarà di certo la Croazia stessa e a rimetterci saranno gli altri anelli deboli (perché abbiamo visto, va sempre a finire così).

Certo, nel giorno dell’ingresso tutti siamo amici e tutti siamo felici. Paroloni di integrazione e solidarietà da ogni dove, come deve essere in una farsa politica di convenienza. Per i croati, così si dice, si è avverato un sogno. Addirittura! Forse è meglio dire che si è trovato un appiglio per sopravvivere alle spalle degli altri. Anche perché ce la ritroviamo in piena crisi economica, con un disoccupazione al 20% e un Prodotto Interno Lordo del 40% piu’ basso della media europea. Al di là delle celebrazioni ufficiali, molti paesi, tra cui la Germania, intendono limitare l’ingresso dei lavoratori croati. In Italia, è soprattutto la regione Veneto a chiedere una moratoria di due anni.

Scusate ma inizio ad essere stufo, come italiano, a dover sempre e solo subire. Tanto già sappiamo che se ci saranno i benefici, andranno a favore di altri (una a caso? La Germania) e se ci saranno grane…

STAY TUNED!

DT

Buttate un occhio al nuovo network di

Meteo Economy: tutto quello che gli altri non dicono

| Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
CROAZIA: benvenuta nell’Unione Europea (si fa per dire), 10.0 out of 10 based on 1 rating

Commenti (n° 6)Commenta

  1. dfumagalli scrive:

    “Scusate ma inizio ad essere stufo, come italiano, a dover sempre e solo subire.”

    Caro mio, con il semplice *accettare* questa situazione, tu ne sei complice.

    Io come tutti quelli che ci tengono alle questioni di principio, mi sono devastato la vita e sono andato a vivere all’estero (dove mi trovo MOLTO meglio che in Italia).

    E’ stata una scelta dura, ma come si dice, le parole stanno a zero. I fatti contano.

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  2. john_ludd scrive:

    2 luglio 2013 – la Croazia ottiene l’ingresso nella UE
    6 novembre 2013 – la Croazia chiede assistenza finanziaria tramite OMT, URF, GRUNT, GULP
    7 novembre 2013 – euro/yen sale a 148
    3 gennaio 2014 – migliora ancora la bilancia commerciale UE grazie al -4% dell’export e il -21% dell’import
    4 marzo – il Congo chiede l’ingresso nella UE come ex colonia europea
    7 aprile – euro/yen sale a 211
    etc…

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. dfumagalli@finanza,

    Non conosco la tua storia ma di certo se la qualità della tua vita è migliorata, ha fatto sicuramente bene! Purtroppo bisogna fare i conti con TANTE cose…
    Anche se io un progetto in testa ce l”ho. Vedremo!

    john_ludd@finanza,

    E quindi? Anche il Congo chiede aiuto all’OMT? :mrgreen:

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. john_ludd scrive:

    Dream Theater,

    il Congo MAI :mrgreen:

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. idleproc scrive:

    john_ludd@finanza,

    Sei un grande. Mi hai fatto passare il malumore. :mrgreen:

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  6. Un’altra fonte di manodopera a basso costo ed un altra estensione del mercato interno (CEE)
    per la vendita di prodotti da parte di alcuni privilegiati (vogliamo scommettere?).
    Un regalo al “popolo” per vacanze a basso costo sull’altra sponda dell’Adriatico?

    Ma qual è e chi la controlla la Commissione che sancisce la possibilità o meno di adesione?
    Possibile che l’organismo CEE abbia uno o più cancri che sfuggono alla regolamentazione democratica dei suoi abitanti?
    Già detto in altro luogo a proposito della BCE forse: chi elegge questi funzionari?
    Chi assegna le responsabilità ed il potere decisionale?

    Sarà l’ignoranza in materia, ma qualcosa mi sfugge…

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)