CORRELAZIONI: mercati logici, ma non per l’economia reale

Scritto il alle 11:18 da Danilo DT

intermarket_ correlazione_rottura

I mercati stanno vivendo una fase di grande volatilità. Il protagonista assoluto della giornata di ieri, come ho spiegato nel post che potete riprendere QUI  è stato il petrolio e gli effetti derivanti dal meeting OPEC di Vienna.
Mercati che sono giustamente preoccupati per cosa potrebbe comportare un eccessivo crollo del prezzo del petrolio.
Quindi possiamo dire che si è generata una certa correlazione tra il petrolio e i mercati azionari (intermarket).
Ma non sono gli unici mercati che stanno viaggiando a braccetto. Anzi, è proprio tra mercato obbligazionario e valutario che notiamo una correlazione fortissima.
In questo caso andremo quindi ad analizzare il cross EUR USD con il mercato obbligazionario. MA attenzione, non mi sto riferendo ad un indice o ad una obbligazione in particolare.
Ricordate? Ho più volte ripetuto in questi giorni che a muovere il tasso di cambio sono i rendimenti, ed in particolare il differenziale di tasso tra Bund e Tnote.
Quindi, la differenza di rendimento tra un bond governativo USA a 10 anni ed il paritetico tedesco.
Pensate che la correlazione tra questi due elementi ha raggiunto la “folle” cifra dello 0.952. Quindi sfioriamo l’unità, cioè la correlazione assoluta. Questo testimonia quindi quanto siano legate le valute ed il mercato obbligazionario.

Grafico Correlazione tra Differenziale rendimento USA vs UE e cross EUR USD

diff-rend-usa-eu-cross-eurusd

Con questo capirete almeno le dinamiche dei mercati. Ma attenzione, vorrei anche farvi notare una cosa.
Da una parte il petrolio, dall’altra la politica monetaria. Infatti è innegabile che su cross EUR USD e rendimenti ci sia lo zampino e la forward guidance delle banche centrali.
Ma scusate…l’economia reale conta ancora qualcosa?
No, in effetti non più. Si vive di prospettive, di sogni e di stati d’animo. La depressione e la fiducia possono muovere le montagne. Intanto però, muovono gli indici, e alla grande.

L’unica cosa che sembra condizionare è la Cina… Ricordate? Forse sta frenando più del pronosticato. Ma dagli altri visto che noi, qui , da tempo lo stiamo dicendo. La bilancia commerciale di Pechino è sì risultata in surplus a novembre (343 miliardi di yuan, +2% su base annua), ma solo a seguito di un segno negativo sia per le esportazioni che le importazioni. La flessione è stata meno pesante del mese precedente, anche se testimonia il persistente rallentamento della seconda economia mondiale. Questo credo vada a fugare tutti i dubbi sull’argomento.

china-export

 

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
CORRELAZIONI: mercati logici, ma non per l’economia reale, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
5 commenti Commenta
gianco
Scritto il 9 dicembre 2015 at 13:13

Ma scusate…l’economia reale conta ancora qualcosa?

Ecco , di questo bisognerebbe chiedere a Lukas

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -1 (from 1 vote)

Lukas
Scritto il 9 dicembre 2015 at 14:24

gianco@finanza,

In che senso scusa ?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 9 dicembre 2015 at 15:29

Euro-Area: Gross Domestic Product (GDP) growth and/with the components (stocks, investment, consumption, net trade, Government) – %, on quarter to quarter [2012 – Q3-2015, real data l AND l Q3-2015 – Q2-2016, forecasts on real data (as to December 8, 2015)]

[REAL] Sectors and moonlights, even – below zero, in view.

No flight of fancy at the time (December 2015) – quite real and far idle/standing, too.

サーファー © Surfer

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

gianco
Scritto il 9 dicembre 2015 at 17:46

Lukas,

WALL STREET: fine della festa. Ora si tende sempre più all’economia reale
Scritto il 5 ottobre 2015 alle 15:31 da Lukas

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Lukas
Scritto il 9 dicembre 2015 at 18:41

Beh a me sembra molto evidente…. negli Usa da quando è terminato il QE…..ossia da un anno…..gli indici azionari sono fermi……..eppoi fermi solo grazie all’effetto indiretto degli altri QE ancora in auge nel mondo ( vedi Bank Of Japan and BCE )…….altrimenti sarebbero ancora più giù ……con la deflazione che ormai dilaga in ogni angolo del pianeta.
gian­co@fi­nan­za,

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+