Cerca nel Blog

Archivi categoria: Obbligazioni e Titoli di Stato

Scritto il alle 00:31 da Danilo DT

Se noi iniziamo a preoccuparci dell’ennesimo rischio default Grecia, c’è una nazione che invece deve concretamente prendere le contromisure nei confronti di un certo default: quello di Puerto Rico (o Porto Rico, fate voi). E quella nazione sono proprio gli … Continua a leggere

Scritto il alle 11:58 da Danilo DT

Proprio nel giorno in cui Weidmann viene in visita in Italia, affermando che, secondo lui, non ci potrà mai essere una vera unione politica europea, senza l’eliminazione dello status di risk free a BTP, Bonos, ma anche OAT e Bund, … Continua a leggere

Scritto il alle 11:55 da Danilo DT

Quando la fame di rendimento aumenta, state pur certi che il mercao si adegua e fa il possibile per soddisfare la domanda, traendone però un vantaggio. Il grafico in apertura illustra il segmento degli High Yield USA: dopo il crollo … Continua a leggere

Scritto il alle 15:45 da Danilo DT

Nelle ultime settimane sembra proprio che la fame di rendimenti ed il rinnovato appetito di rischio finanziario, abbiano di nuovo reso irrazionale il rapporto rischio/rendimento di questa asset class. Nell’ultima settimana, abbiamo nuovamente registrato un record nei volumi intermediati. Grazie … Continua a leggere

Scritto il alle 11:30 da Danilo DT

Crisi Grecia torna a far parlare di sè. Il FMI vuole la ristrutturazione del debito, la Germania non ne vuole sapere, ma a luglio c’è una nuova tranche da rimborsare pari a 3.5 miliardi di Euro che Atene non ha. Ricomincia il solito teatrino. Continua a leggere

Scritto il alle 14:30 da Danilo DT

Diventa quasi ridicolo spiegare al risparmiatore che un BTP a 5 anni oggi dà un rendimento NETTO pari a circa lo 0.10%. Si, avete letto bene, 0.10%. A dire il vero il rendimento netto è pari allo 0.30% ma se … Continua a leggere

Scritto il alle 14:35 da Danilo DT

Cosa succede se un obbligazione o un titoli di stato ha una cedola tasso variabile con rendimento negativo? E se il mutuo, causa crollo dei tassi di interesse, va in negativo anche lui, a livello di rendimento? Continua a leggere

Scritto il alle 11:01 da Danilo DT

Anche se la situazione economica USA non ci porta all’entusiasmo, è innegabile che la fame di rendimenti continua a dominare su tutto. La nota società Lipper, infatti, illustra l’andamento degli “inflow” ovvero dei movimenti in ingresso (ed uscita) dei fari … Continua a leggere

Scritto il alle 15:17 da Danilo DT

In un mondo dove i tassi di interesse sono ormai “normalmente” sotto lo zero, il debito aggregato non fa altro che lievitare. La leva finanziaria non è certo scesa, anzi, specie nei paesi sviluppati è cresciuta copiosamente. Ma che succede se il meccanismo si inceppa? Continua a leggere

Scritto il alle 11:46 da Danilo DT

Dopo il QE3 di Draghi è evidente che i mercati finanziari hanno avuto una reazione non particolarmente entusiasmante. Segno che qualcosa sta cambiando. Ormai si è capito che la sola liquidità non è sufficiente. Intanto però High Yield E corporate IG reagiscono al rialzo Continua a leggere

Scritto il alle 09:30 da Danilo DT

In molti parlano già di recessione in USA ma se guardiamo il Bloomberg Corporate Bankruptcy Index la situazione è meno critica di quanto si dica. Per il momento. Occorre distinguere tra high yield tradizionali ed ex-energy. Continua a leggere

Scritto il alle 14:30 da Danilo DT

Nel complicato mondo dei tassi negativi, con politiche che passano da ZIRP a NIRP, le banche centrali tornano a darsi battaglia con la guerra valutari. Ma alla fine non ci saranno vincitori, ma solo sconfitti. Continua a leggere

Scritto il alle 10:19 da Danilo DT

Le banche centrali sono assolute protagoniste in questa fase di mercato. Ma grazie alla BCE e alla sua politica ZIRP, chi ne ha beneficiato più di tutti? ma guardando il rapporto debito PIL… Continua a leggere

Scritto il alle 14:25 da Danilo DT

Una settimana all’insegna prima delle attese del meeting BCE, e poi condizionata dalla lettura delle iniziative prese da Draghi e le relative interpretazioni. La confusione, in certi momenti, è stata totale. Basta guardare nel giorno dell’annuncio del QE3 cosa hanno … Continua a leggere

Scritto il alle 09:11 da Danilo DT

Le obbligazioni High Yield (conosciuti anche come junk bond) prendono il volo, il VIX subisce la più violenta correzione degli ultimi tempi, assieme ai CDS. E magicamente si riscopre a tempo di record il RISK ON. Ci eravamo dimenticati che viviamo in un mondo perfetto? Continua a leggere

Rubriche
Archivi
ATTENZIONE – NOTA BENE – IMPORTANTE

Creative Commons License

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

IntermarketAndMore

Sostieni IntermarketAndMore

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

[email protected]

Commenti recenti
  • [email protected] su BORSA USA: le quotazioni condizionate da tanto ottimismo. Forse troppo?
  • [email protected]@finanza su BORSA USA: le quotazioni condizionate da tanto ottimismo. Forse troppo?
  • [email protected] su PORTO RICO: oggi è il giorno del default
  • [email protected] su PORTO RICO: oggi è il giorno del default
  • [email protected] su PORTO RICO: oggi è il giorno del default
  • [email protected] su PORTO RICO: oggi è il giorno del default
  • [email protected] su Parte il braccio di ferro tra GRECIA e UNIONE EUROPEA
  • PORTELLO su Parte il braccio di ferro tra GRECIA e UNIONE EUROPEA
  • gainhunter su Parte il braccio di ferro tra GRECIA e UNIONE EUROPEA
  • [email protected] su BANCHE CENTRALI: continua il patto di non belligeranza

Check PageRank
Google+