CAMBIAMENTI in VISTA!

Scritto il alle 09:36 da Danilo DT

Elucubrazioni sparse: pensieri in una notte ricca di fulmini e saette.

In una sera di mezza estate, mi ritrovo a guardare, comodamente seduto sulla mia poltrona, l’infinito del cielo, per l’occasione addobbato a festa con fulmini e saette, insomma uno scenario tanto spettacolare quanto inquietante. Una vera bomba d’acqua che rende l’essere umano inerme. E guarda caso, mi passa nella testa subito un paragone coi mercati finanziari visto che nel nostro piccolo, di casini ne abbiamo già fatti, e anche parecchi.
Lasciamo perdere le grandi guerre del passato e proviamo a concentrarci su quello che è il futuro prossimo che ci spetta.
E state pur certi che questo futuro tutto, tranne che di facile lettura.

Senza dover per forza inventare qualcosa, proviamo a capire quale realtà stiamo vivendo. Ed è sotto gli occhi di tutti un quadro di mercato più unico che raro. E forse per questo quantomai pericoloso visto che non ci sono precedenti e, tra le altre cose, ci sono molti punti potenzialmente negativi che potrebbero anche esplodere in un fenomeno incontrollabile.

Cigno nero?

Ma lasciamola perdere sta povera bestia! Il cigno nero può essere tutto e può essere niente. La realtà è che oggi il sistema è molto più fragile di quanto si possa pensare.
Stiamo uscendo da un periodo di straordinaria stabilità, complice l’incredibile quantità di liquidità immessa nel mercato.
Però nella principale economia mondiale (USA) siamo ormai a fine ciclo e si sono giocate non solo le carte monetarie ma anche quelle fiscali. Trump tenta la strategia del “dumping” ma si è capito che se veramente vorrà andare avanti per questa strada, sarà peggio per tutti.
E in Europa? Beh, tanto per cominciare non è che la BCE sia stata inferiore alla FED, con la differenza che gli effetti benefici sono stati meno netti (anche l’obiettivo di Draghi è stato innanzitutto quello di “salvare” mentre la FED era quello di fare “crescere” l’economia.
Ma molti equilibri si stanno rompendo. Fateci caso, non solo in Italia notiamo l’emergere di una reazione populista radicale contro il capitale, l’establishment e il libero scambio. Insomma un’incazzatura popolare contro tutti, con conflitti geopolitici e, anche in questo caso, ciclo della banca centrale BCE in fase di esaurimento.
Ma a questo occorre anche aggiungere gli effetti di un neo protezionismo che porterebbe rapidamente l’Europa in recessione, complice anche un tasso di crescita economico sempre asfittico ed insoddisfacente (come anche il tasso di inflazione).

In questo contesto complicato c’è poi l’Italia, il problema nel problema, dove la politica è antieuropeista e c’è la volontà di profondi cambiamenti. Senza aver ben presente, però, dove si potrebbe andare a finire. Classico del populismo legato al malcontento popolare.
Dite che il clima in Italia non è così euroscettico come sarebbe potuto essere? Vero, ma è altrettanto vero che il mercato continua a non fidarsi.
Ulteriore nota dolente, se fino a “ieri” Draghi poteva intervenire con gli acquisti, ormai la BCE ha terminato la sua “Mission impossible” e progressivamente tirerà i remi in barca.
E quindi, in un contesto così delicato, occorrerebbe innanzitutto una cosa una vera Unione EUROPEA forte e stabile.

Oggi non abbiamo ne l’una ne l’altra.
Il tutto poi in un contesto dove la BCE sembra perdere potere.
Infatti con il suo QE ha dimostrato di essere l’unico vero organismo comunitario presente ed efficace, una sorta di collante che teneva in piedi un sistema che oggi, quindi, senza gli acquisti, si trova orfano di questo unico tassello.
E se quindi torna la crisi e la BCE darà una presenza relativa, come farà a reggere l’UE?
Me lo sto chiedendo da settimane.
Un discorso, questo, che forse condividete o forse no, e che alla fine ci porta a farci una domanda. Banale ma fondamentale.

E QUINDI?

E quindi, cari lettori, non è semplice ma non è impossibile. Perché la chiave di lettura sta tutta nel saper, appunto, leggere in modo corretto il momento di mercato ed adeguarsi, accettando la nuova realtà che potrebbe essere molto diversa da quanto ci aspettiamo.
Operatività?
Vabbè, vi regalo magari qualche spunto personale che poi approfondiremo in futuro, strada facendo, magari nelle puntate di TRENDS.
Occhio quindi ai governativi ma non aspettiamoci crolli dei corsi obbligazionari importanti sulle emissioni più solide.
Prudenza sull’equity e un occhio di riguardo sugli emergenti. Come dicevano i vecchi, dopo un tempo, ne viene un altro.
Via dagli High Yield e occhio a trimestrali e alle mosse diplomatiche di Trump, potrebbero influire non poco sul futuro, specialmente a livello di sentiment.
Vi ricordate cosa vado dicendo da ormai cinque anni? Scenario potenzialmente da debt deflation.
Alla fine, non siamo poi così lontani da quelle logiche.

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
CAMBIAMENTI in VISTA!, 10.0 out of 10 based on 3 ratings
5 commenti Commenta
adsodimelk
Scritto il 17 luglio 2018 at 13:42

secondo me non ci capisci più nulla.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -1 (from 1 vote)

Scritto il 17 luglio 2018 at 14:43

Sicuro, per fortuna che tu hai capito tutto!
O forse non posso e non voglio espormi più di tanto. Ma cosa conta… Tanto sono un asino, no? :-) Tra le altre cose in confusione mentale e quindi….

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +3 (from 3 votes)

alplet
Scritto il 17 luglio 2018 at 14:53

Con tutte le belle notizie ben farcite come si sa, personalmente – e io non ci azzecco – mi aspetto un calo delle borse: la corsa è fatta: non vedo la forza di nuovi rialzi. Probabilmente un calo non devastante, e poi non saprei comunque quando partirebbe (domani?, la prossima settimana? tra un mese o due?).

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Scritto il 17 luglio 2018 at 17:47

al­plet@fi­nan­za,

Possibile ma occhio al timing. Al momento non sono ancora maturi i tempi di una correzione importante. Ovvio IMHO

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

paolo41
Scritto il 17 luglio 2018 at 20:04

…..a parte il buy back di azioni , l’aumento dei bonus, le “guerre” sui dazi, etc….. c’è ancora tanta liquidità in giro……..

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

BCE: che ne sarà dei bond acquistati con il QE?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+