Bond ad alto rendimento

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

In questa fase di mercato è molto più difficile investire nell’obbligazionario che nell’azionario; i rendimenti sono ridicoli e occorre restare investiti fino a scadenza, e per avere rendimenti maggiori occorre scegliere scadenze più lontane prendendosi tutti i rischi di un’eventuale risalita dell’inflazione e magari anche di un default se l’emittente scelto ha un rating basso (es.senza A). Francamente non mi sembra una buona scelta restare bloccati con scadenze superiori ai 4 anni.
Da un paio d’anni si è rivelato un ottimo investimento scegliere etf o fondi in euro con benchmark high yield ovvero bond a basso o bassissimo rating che offrono rendimenti molto interessanti ma che ovviamente hanno una probabilità di default (cioè “fallimento”) dei singoli asset che costituiscono il benchmark piuttosto elevata. Qui sotto il grafico giornaliero di un etf quotato su Borsaitaliana che ha reso il 33% negli ultimi 18 mesi.

Non male… ma ben sapete che le performance passate non sono garantite per il futuro e infatti occorre notare che anche questo investimento ha risentito pesantemente la crisi dei mercati del 2011, come l’azionario. Questo per dire che per comprare oggi sui massimi un benchmark che rischia di correggere parecchio in caso di ritorno dell’avversione al rischio occorre essere un investitore che si tiene aggiornato e che è pronto a liquidare la posizione e a ricostituirla con una certa facilità; in altre parole occorre essere più trader di posizione che cassettista.
Ma quali titoli costituiscono questo benchmark? si tratta solitamente di titoli societari o pubblici (anche titoli di Stato) con rating inferiore ad “investment grade”. Periodicamente il benchmark viene ribilanciato con l’uscita dei titoli scaduti o che non presentano più le caratteristiche necessarie, e con l’ingresso di altri titoli; ci sono benchmark che differiscono per scadenze e valute rappresentate. Ecco un esempio di questa categoria di bond redditizi e rischiosi: la Homair Vacances.  Si tratta di una società francese specializzata nella realizzazione di centri per le vacanze in strutture ricettive all’aria aperta. Ha un lotto minimo di 1000 euro e cedola del 6,5% pagata in due tranche semestrali; scadenza 7/5/2019 (Isin FR0011464049). Il rating è  BBB-. Quotata su Euronext Paris.. Ieri ha chiuso al prezzo di 102,98.

sei soddisfatto del rendimento del tuo investimento?
lo ritieni adatto per fronteggiare il rischio di ulteriore deflazione o di rialzo dell’inflazione?
conosci gli strumenti adatti per ribilanciare il ptf ?
come investiresti sull’azionario ADESSO?
e con quali strumenti? quale diversificazione? quale protezione da un eventuale crollo?
hai provato ad usare le opzioni per proteggerti dai rischi di ribasso?
come ti proteggi dal rischio valutario?

VUOI UN CHECK GRATUITO DEL TUO PORTAFOGLIO?

LA PARTECIPAZIONE AL MEETING DELL’1 GIUGNO A MILANO E’ UNA BUONA OCCASIONE PER AVERE RISPOSTE ANCHE PERSONALIZZATE.
Non puoi partecipare ma vorresti avere ugualmente delle risposte ai tuoi quesiti?
Scrivi  a  [email protected] per saperne di più.
 



portafogli - trade - opzioniprotezione oropensioni integrative - video - periodici
Per maggiori informazioni: [email protected] 

e intanto in Oklahoma qualche ora fa le leggi della natura e della fisica ci hanno ricordato quanto siamo fallaci e provvisori… pensa te se se il tornado arrivava sul centro di stoccaggio del WTI a Cushing


VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Bond ad alto rendimento, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Info su gremlin

[email protected] www.investimentiprotetti.it http://tradeoptiongremlin.wordpress.com/ http://opzionitrading.wordpress.com/ http://minifiboption.wordpress.com/ https://vimeo.com/69794582

Commenti (n° 4)Commenta

  1. bergasim scrive:

    concordo l’azionario è una gran bazza, l’sp 500 ha dei margini enormi lo vedo ha 3000 di qui a fine 2013.

  2. bergasim,

    si magari in ribasso dai 4000 che toccherà a fine ottobre.

  3. pubblicato il video del tornado di Oklahoma

  4. “e intanto in Oklahoma qualche ora fa le leggi della natura e della fisica ci hanno ricordato quanto siamo fallaci e provvisori… pensa te se se il tornado arrivava sul centro di stoccaggio del WTI a Cushing”

    Eh…catastrofe assoluta….