Bollettino Bankitalia: mette a nudo tutti i nostri dubbi sulla crescita italiana

  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • PDF
  • Print
  • Twitter
  • Technorati
  • del.icio.us
  • Wikio IT

crescita-economica-ITALIAQuanto era accaduto era assolutamente previsto. Per carità, faccio anche bella figura come santone visionista, ma diciamocela tutta. Era veramente facile aspettarsi delle previsioni al ribasso sulla crescita economica italiana,

Era come se in una famiglia si affermava di guadagnare di più con un taglio netto dello stipendio.

I dati sulla disoccupazione, sulla crescita industriale, sulle insolvenze bancarie, sui fallimenti, parlavano chiarissimo. In Italia la frenata continua. Ma qualcuno invece era convito che…il futuro fosse MOLTO più roseo.

Renzi: smentiremo previsioni su crescita bassa (video)

Le previsioni sulla crescita bassa dell’Italia “saranno smentite. Ieri Moody’s ha detto che l’Italia può crescere fino al 2%, altro che 0,5%”. Mostra ottimismo il premier Matteo Renzi, intervenuto a “La telefonata di Belpietro”.

“Noi abbiamo abbassato le previsioni perché è meglio essere prudenti all’inizio”, spiega Renzi scommettendo con il conduttore che le previsioni dell’Ocse, che ha tagliato le stime della crescita italiana allo 0,5%, “saranno smentite”. Ma per il premier le previsioni sono ben al di sopra, addirittura arriveremo “al 2%, altro che 0,5%”. – (TG3) 

Matteone, ma che mi combini? Mi cadi così nel tranello della banalità? Certo è che questo intervento mette a nudo il personaggio… Ma non infieriamo oltre. E’ uscito il report di Bankitalia denominato “Bollettino Economico” che potete visionare CLICCANDO QUI. 

Molto semplicemente il Bollettino ammette che forse le cose non vanno come si sperava. Beh, era banale ma forse NON per tutti.

In Italia stenta a riavviarsi la crescita. L’attività economica nei mesi invernali ha risentito del calo della produzione di energia, in parte legato a fattori climatici, e della persistente debolezza nell’edilizia. In maggio la produzione industriale ha subito una flessione inattesa, comune all’area dell’euro, in parte attribuibile a effetti di calendario; le informazioni disponibili suggeriscono un sostanziale ristagno dell’attività anche nel secondo trimestre. (…) Il calo dell’occupazione, in atto dalla seconda metà del 2012, si è pressoché arrestato nello scorso inverno. Resta però bassa l’intensità d’uso della manodopera, che frena nel breve termine la ripresa della domanda di lavoro. Il tasso di disoccupazione è nuovamente aumentato, per effetto dell’incremento della partecipazione al mercato del lavoro. (Bankitalia) 

Ma come sempre un grafico vale più di mille parole ed eccovi qui alcune immagini postate ieri su TWITTER https://twitter.com/intermarketblog che bene illustrano quanto sta accadendo.

Grafici chiari, tendenze evidenti, crisi non apparente, scenario di depressione economica ormai vicina, visto che la nostra inflazione sfiora lo zero. Ma rallegraimoci in quanto, udite udite...hanno alzato le stime per l’anno prossimo!!! Mitici! Cercano di mitigare la bastonata con una carotina che ovviamente, col tempo, verrà ridotta…

La crescita ci sarà, ma nel 2015. Questa, la sintesi del bollettino trimestrale economico di Bankitalia, in cui si stima una crescita media del Pil dello 0,2% per quest’anno, e un aumento del 1,3% l’anno prossimo. (TP)

Ma non serviranno certo le belle parole per cambiar le cose, non basteranno le intenzioni sparate ai quattro venti, non saranno sufficienti i programmi solo sulla carta che durano 100, 1.000, 10.000 giorni.

Qui ci vuole una rivoluzione assoluta (mentalità, riforme, decisioni anche drastiche ma efficaci) che NESSUNO ha il coraggio e/o la possibilità e/o la voglia di fare perché il nostro sistema politico è assolutamente MARCIO.
Ve ne ho parlato l’altro giorno e ancora mi viene il nervoso. Ma come diavolo è possibile che il nostro debito sia aumentato proprio per colpa di un aumento della spesa amministrativa? Alla faccia della spending review!
Vi lascio alla carrellata dei migliori post della settimana (troverete anche il post sul debito italiano prima citato).
Malgrado il periodo estivo, credo ci siano dei pezzi che vale la pena leggere e condividere, proprio per aumetnare la consapevolezza su quello che ci stas accadendo. In Italia e non solo.

Buona visione e… mi raccomando… LEGGETE QUESTO MESSAGGIO!!! 

JUL 18

Segnali di crisi in un mercato drogato

La FED ha condizionato i valori degli asset e lo sa benissimo. Focus su Baltic Index, SP500, Vessel, nuovi cantieri USA e non solo… Sembra quasi che basti un granello di sabbia… 

FLASH: FTSEMIB atteso al test di area 20283

Futures mercato azionario al momento non subiscono conseguenze dall’abbattimento del volo MH17. Grafico FTSEMIB e traget di breve e medio periodo. 

Crisi Geopolitica in atto: il volo #MH17 è la goccia che fa traboccare il vaso

Invasione delle truppe di terra israeliane della striscia di Gaza, assalto all’aeroporto di Kabul da parte dei Talebani con conseguente conflitto, invasione della citta di Tripoli da parte delle truppe armate, il gravissimo incidente aereo (volo MH17), Può la geopolitca affossare i mercati? 

JUL 17

Intermarket Groove: rimbalzo già col fiato corto?

Analisi grafico FTSEMIB e dell’intermarket intraday. Dopo il rimbalzo di ieri già si riscontra un po’ di stanchezza. Lateralità in corso.

The NEW normal (ovvero quando lo straordinario diventa ordinario)

Quali sono i rischi della exit strategy? Cosa vorrebbe fare la FED? E di cosa ha paura la Yellen? Quali sono i rischi di una politica monetaria accomodante per un lungo periodo di tempo? 

JUL 16

Nasce la “New Development Bank” dei BRICS. Dollaro USA meno strategico in futuro.

Intanto però nel breve occhio al grafico. E se si rompe area 1.35… Le parole della Yellen sono state una manna dal cielo per il Dollaro USA, nel senso che quanto detto dal capo della FED ieri sera sono certamente … 

PRODUZIONE INDUSTRIALE: mind the gap!

Tutta l’Eurozona rallenta, anche la Germania. Però gli USA continuanio a correre. Come è possibile questo scenario? Di chi è la responsabilità primaria? 

The show must go on (…e il bello deve ancora venire)

Che le banche centrali siano le protagoniste assolute dei mercati, questo è un dato di fatto. E se la Federal Reserve con il quantitative easing prima, il tapering poi e poi chissà l’exit strategy non lo sarà anche in futuro, è impensabile. 

JUL 15

FLASH: trattasi di correzione e non di inversione

La vicenda del banco Espirito Santo è sopratutto un pretesto per prendere profitto. Anche se è innegabile (finalmente) il ritorno alla percezione del rischio finanziario in attesa del TLTRO. Grafico STOXX 600 Banks Index e FTSEMIB. 

ITALIA degli irresponsabili che affoga nel debito e nelle SUE colpe

Aumenta il debito pubblico a causa sopratutto dell’amministrazione pubblica. Ma non esisteva la spending review? La casta politica è viva più che mai… Il lento processo che rischia di portarci alla deriva continua imperterrito. E tutto, ahimè, va come su … 

JUL 14

WALL STREET: malgrado l’aria di correzione, il COT continua ad essere rialzista

GUEST POST – mercati laterali ma sempre con buona forza relativa, anche se il COT perde qualche colpo. Analisi dei dati del CFTC secondo la personale visione di Lukas. Cari amici, nella settimana appena trascorsa, le vicende della Banco Espirito … 

ARGENTINA: ora a rischiare è anche la BNY Mellon

Forse ci vorrà ancora qualche giorno per far passare a tutti gli argentini l’amarezza per la sconfitta ai supplementari, nella finale di Campionati di Calcio 2014. Ma bisogna tornare nella realtà, e anche rapidamente visto che ci sono delle scadenze … 

STAY TUNED!

Danilo DT

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

I need you! Sostieni I&M!

CLICCA QUI e votaci nella categoria “ECONOMIA” al #MIA14
(Macchianera Italian Awards 2014)

blogfest macchianera

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto.
Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email ([email protected]).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Bollettino Bankitalia: mette a nudo tutti i nostri dubbi sulla crescita italiana, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Info su Danilo DT

La corsa è lunga e...alla fine è solo con te stesso (by Big Kahuna) Per sapere CHI SONO, clicca QUI !

Commenti (n° 4)Commenta

  1. idleproc scrive:

    Crescita? Il debito?

    Carestia, inondazioni, siccità, fame e pestilenze + una bella guerra globale.
    Sò tempi duri, quelli avvenire.

    http://peakoilbarrel.com/collapse-inevitable

    Siamo pieni di metano, altro che fraking (non è una nuova moda di fare sex):

    http://robertscribbler.wordpress.com/2013/07/15/the-arctic-methane-monster-stirs-nasas-carve-finds-plumes-as-large-as-150-kilometers-across-amidst-year-of-troubling-spikes

    :mrgreen:

  2. idleproc scrive:

    PS. Dimenticavo il lato “culturale”, crisi mistiche di massa, predicatori e pogrom.
    Abbandono totale dl metodo scientifico che partendo dalle statistiche di Ballarò, dalla propaganda della sette, dalla spazzatura di Focus, dalle gare di cucina e altro auanaganaw, si è allargato alle banche centrali e ai templi e torri d’avorio della ricerca.
    Gli altri non fanno testo, si occupano solo di gossip, cronaca nera e veline/i d’élite o da strada arrivate/i al piano nobile.
    Sarà il trionfo dell’irrazionale e dell’abolizione politica della raccolta rigorosa e ripetibile del dato empirico e sperimentale che dovrà soggiacere alla volontà politica del predicatore di turno nominato dalle corporation globali.

    Manca John…
    :whink:

  3. idleproc scrive:

    Spettaa… avremo comunque le nostre “soddisfazioni”, tutti quelli che dal secolo scorso hanno fatto operazioni sotto falsa bandiera e massacri conseguenti alleandosi “tatticamente” con chiunque, pensando di gestire per interesse privato o di gruppi ristretti i processi socioeconomici, finiranno maluccio anche a casa loro, nonostante l’apparato di controllo e repressine demenziale che stanno mettendo in piedi. Hanno dimenticato la storia.
    Stanno già perdendo il controllo anche se rifiutano di crederci perchè sono loro “quelli bravi” e il sistema ha una sua inerzia.

    Torno al mio modo di divertirmi e di sentirmi utile scrivendo programmi.
    Tra l’altro, uso l’IDE Eclipse, un magnifico prodotto open source che come altri dimostra quanto gli uomini siano in grado di fare in termini di qualità e innovazione quando lo scopo è il piacere di produrre per una comunità e il fine immediato non è il lucro.
    Non siamo da buttar via come specie, ne usciremo.

  4. idleproc scrive:

    La luce in fondo al Tunnel grazie all’Espirito Santo.

    http://www.forexlive.com/blog/2014/07/18/espirito-santo-international-files-for-creditor-protection-in-luxembourg

    http://www.euronews.com/2014/07/17/espiritosanto-downgraded-by-rating-agencies

    Ci sono sempre state un sacco di disquisizioni teologiche sull’argomento e se Procedeva dal Padre o dal Figlio, deve essere questo il problema.
    Pare che non proceda….