BANCHE ITALIANE: i rischi con uno spread in area 300 punti

Scritto il alle 08:18 da Danilo DT

Lasciamo perdere tutti i ragionamenti da complottisti. Che ci sia dietro agli schiaffoni di questi giorni George Soros, Pinko Pallino oppure una schiera di software poco importa. Alla fine la realà dei fatti ci porta ad un risultato indiscutibile. Lo spread BTP Bund va oltre i 300 bp e manda in tilt oltre che gli stessi BTP, anche la borsa e le banche.

Già, le banche ed i titoli finanziari, infatti occorre ricordare che il nostro listino è pregno come nessun altro di titoli finanziari. E quindi la sensibilità è maggiore su tutte quelle tematiche che hanno a che fare con il rischio paese. Ricordiamo infatti che le nostre banche ma anche le compagnie assicurative sono cariche di titoli di stato.

FTSEMIB INDEX: si allarga lo spread da indice banche

Voi direte: ma che ci importa? In realtà ci importa eccome, e non si tratta solo di una valorizzazione di asset che va ad incidere sul valore di borsa. Infatti voglio ricordare a tutti che l’aumento dei nostri BTP e l’impennata dello spread va ad erodere capitale nelle banche che quindi si trovano con i parametri previsti da BCE (Cet1) non più in linea con quanto richiesto.

Sia ben chiaro, non per tutte le banche è così. Ma quelle che già bivacchiavano border line saranno in difficoltà e, se la cosa si incancrenisce, significherà dover ricorrere ad aumenti di capitale.
Ma chi lo sottoscrive un aumento di capitale in queste condizioni?
Non facciamo terrorismo, ma se le cose dovessero veramente peggiorare, sono Carige, Banco BPM e MPS le tre banche che vedo con i parametri BCE più in difficoltà. Leggendo report qua e là, posso anche dirvi che molte banche d’affari internazionali la vedono come me. E soprattutto come me, sono preoccupate da uno spread che, se stabilmente in area 400 bp, renderebbe la situazione insostenibile. Ecco cosa dice Credit Suisse:

“Un ampliamento di 200 punti base dai 238 di fine giugno ridurrebbe in media il Cet1 di 66 punti base, dal 12,53% a 11,87”.

HARAKIRI: ricordate questo grafico?

E se Credit Suisse è pessimista, allora che dire di Klaus Regling, direttore del Fondo “salvastati” Esm?

(…) Klaus Regling, direttore del Fondo “salvastati” Esm, che in un’intervista a Bloomberg Tv individua nelle banche l’anello debole della situazione venuta a crearsi con uno spread a 300 punti base. (NOTA BENE, qui si parla di 300bp, ovvero le quotazioni attuali, e non i 400 bp di Credit Suisse, ndr). (…)

Poi quello che aggiunge è ovvio ed ampiamente conosciuto dai lettori di I&M, ma vi propongo di rivederlo, una rinfrescatina non fa mai male…

(…) “C’è un problema” complessivo per l’Italia, spiega Regling, che è la crescita pari alla metà di quella dell’Eurozona negli ultimi vent’anni, e che è dovuta “alla mancanza di riforme convincenti” e, accanto ai punti di forza (“non ha mai perso l’accesso ai mercati, ha un surplus corrente, e un debito in buona parte in mani nazionali”), l’Italia presenta anche un punto di debolezza: il settore bancario. La situazione dei mercati, secondo Regling, non impatta velocemente sul finanziamento del settore pubblico, grazie alla durata media dei bond elevata, “ma vediamo che il settore bancario ne soffre quasi immediatamente, per il legame delle banche con il debito sovrano. Il costo di approvvigionamento sale” e dunque “è un punto debole e spero che il governo italiano ne tenga conto”. (…) [Source

A me sembra che il Governo al momento non ne tenga conto, anzi, la proposta dei CIR va proprio nella direzione opposta. Ma questa è un’altra storia. Intanto però è evidente che la mancanza di certezze non può che essere deleteria per il mercato. Che deve essere convinto dal DEF. SI, perché lo avete capito, si teme un DEF di infima qualità. Sta al nostro Governo convincere i mercati, gli operatori, gli speculatori e George Soros (eufemismo) che non è così. E’ questa la vera grande sfida del Governo. E se la missione fallirà…incrociamo le dita… intanto non fa piacere leggere praticamente ovunque che la grande paura è che l’Italia sia la nuova Grecia. Signori, non scherziamo eh?

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (7 votes cast)
BANCHE ITALIANE: i rischi con uno spread in area 300 punti, 10.0 out of 10 based on 7 ratings
5 commenti Commenta
paolo41
Scritto il 9 ottobre 2018 at 12:03

……..Tria ha parlato …… e spread e rendimenti sono sui massimi…..
però bisogna ammettere che nella Lega c’è qualche persona qualificata ( ieri ho sentito Garavaglia) ….. certo fino a quando presentano altri personaggi….. che vogliono l’uscita dall’euro!!!!!!…. Sono sempre più convinto che quello sia l’obiettivo…….!!!!!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

kry
Scritto il 9 ottobre 2018 at 16:46

L’ ITALIA è uno dei pochi paesi in grado di mostrare un AVANZO PRIMARIO.
Concentriamoci su questo e chiediamo come sono messe D.B. e Commerzbank.
Inoltre fino a quando un titolo non viene venduto non si registra una perdita reale per cui basta portare a scadenza il titolo e prendere le cedole che sono POSITIVE più alte di quello che si dovrebbe PAGARE a lasciarli parcheggiati alla BCE.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -1 (from 1 vote)

paolo41
Scritto il 9 ottobre 2018 at 17:54

….. forte recupero del BTP Future……..

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

paolo41
Scritto il 9 ottobre 2018 at 20:35

…..dopo dichiarazioni di Savona e Salvini : se lo spread continua a salire dobbiamo rivedere la manovra……

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

pdf79
Scritto il 9 ottobre 2018 at 20:46

Danilo ci segnala un grosso problema, come ho detto l’euro è una trappola ben congegnata, per me prima se ne esce meglio è.
Ma la cosa che mi fa più arrabbiare della costruzione europea è il concetto di “vincolo esterno” propinatoci dalla classe politica e che avrebbe dovuto migliorarci, invece in un paese individualistico e dalle mille sfaccettature è stato esiziale portando lo scarica barile a stile di vita, speriamo che una volta usciti e fatto un bagno di realtà si possa tornare ad una sana responsabilità personale e collettiva.
Poi viviamo in un mondo folle dove oggi il rendimento a 10 anni:
BTP è 3,5%
T-note 3,21%
Bund 0,54%
La miglior cartastraccia del mondo rende quasi uguale all’Italia e 6 volte la cartastraccia tedesca, da una parte abbiamo un continente potenza dominante, la valuta di riserva del mondo, una banca centrale pienamente operativa e circa 6.500 testate nucleari dall’altra parte il nulla ma al momento piace così.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+