Cerca nel Blog

ATTACCO alle banche italiane! Ecco che è successo a MPS.

Scritto il alle 10:50 da Danilo DT

img1024-700_dettaglio2_monte-dei-paschi-di-siena

In questi giorni avete avuto modo tutti di vedere l’assurdo saliscendi delle azioni dei titoli azionari, in particolar modo delle banche italiane. Ma in particolar modo di una. Ovviamente Monte dei Paschi di Siena. Quella che ho chiamato anche Monte dei Pacchi, visto il drammatico iter di aumenti di capitali degli ultimi anni, con esiti catastrofici per gli azionisti, è stata però realmente soggetta ad un attacco speculativo impressionante.
Un attacco che è stato voluto da tre hedge fund USA. O almeno così sembra. Navigando un po’ in rete ecco cosa ho scoperto.

La nostra MPS ha in pancia 24 miliardi di sofferenze, con un patrimonio di circa 10 miliardi di €. E’ chiaro, le sofferenze bancarie non sono sufficientemente coperte. Ed ecco che da queste basi, nasce la speculazione: visto che MPS in borsa potrebbe potenzialmente valere zero, un gruppo di hedge fund, approfittando del mercato debole e delle voci che girano sulla richiesta da parte della Bce di nuovi capitali freschi, parte all’attacco. Ovviamente  con una speculazione ribassista.
Una scommessa che non si ferma però allo short sull’equity, ma anche ai CDS, ed ai bonds stessi. Dove si voleva arrivare? Distruggere MPS e obbligarla a svendere le sue sofferenze a qualche specialist sul mercato a prezzi da fame. E magari questi specialist potevano proprio essere gli speculatori di cui parlavo prima. E non dimentichiamo che il grande business poi stava nel fatto che quelle sofferenze godevano di una particolare garanzia, quella di Cdp.

Tutto poteva andare come la speculazione comandava. Ma poi ad un certo punto, magicamente, appare la Consob (ah, ma esiste ancora?) che vieta le vendite allo scoperto… E secondo voi questo preoccupa la speculazione? Ma figuriamoci! Forse la Consob non conosce ancora le opzioni put, ad esempio.
E fu così che MPS in pochi giorni collassa ed arriva a valere in borsa quanto molte small cap, o se preferite come la metà dei piumini Moncler.

Chi sono gli attori di questa debacle? Massimo riserbo, la Consob ora indaga, ma nelle sale operative si fanno i nomi di Ubs e Algebris.

(…) questi possibili venditori legati agli hegde funds: Ubs, e lo ha fatto andando per esclusione (il fondo brasiliano Btg Pactual aveva già venduto e Fintech aveva smentito). Lo stesso giorno Davide Serra, finanziere renziano di Algebris Investments, invitava a farsi due calcoli e concludeva che a vendere non potevano essere che piccoli investitori retail presi dal panico, perché malamente informati e ingiustamente preoccupati sulla solidità della banca. Lui stesso, fatti altri due calcoli, aveva comprato bond di Mps. (…) (Source) 

Unica grande certezza: qualcuno ovviamente ha fatto affari d’oro sulle spalle degli altri. Anche se poi succede qualcosa: giovedì si torna a parlare di bad bank. Rapidamente gli speculatori ribassisti si trovano col cerino in mano ed in fretta e furia corrono a smontare la speculazione. Eccovi spiegato il motivo dello spettacolare rimbalzo in borsa.

(…) una operazione studiata a tavolino da almeno tre grandi hedge funds americani, che sulla base del progetto per la bad bank elaborato dal Tesoro fino alla settimana scorsa avrebbero deciso di scommettere sulla caduta del titolo Montepaschi. Un’operazione strutturata su tre distinte scommesse (calo del titolo, rialzo dello spread e acquisto a forte sconto delle sofferenze) chiusa poi in fretta e furia nella giornata di giovedì, quando le indiscrezioni provenienti dal Tesoro hanno mostrato che il piano per la bad bank sarebbe cambiato, che ha portato al rialzo del 43% del titolo in una sola seduta. Di certo alcuni di questi grandi fondi si sono affacciati la settimana scorsa a Rocca Salimbeni per fare un’offerta per pacchetti di sofferenze della banca. (…) (Source) 

Quanto è successo testimonia però l’estrema debolezza del sistema italia, nonchè la relatività anche dei sistema dei controlli: e state pur certi che quando la speculazione si accanisce su qualcuno, è perché sa della sua debolezza e dell’alta probabilità del buon esito della speculazione. E le lacune italiane, purtroppo, mettono il nostro mercato molto a rischio. E se devo essere sincero, non è nemmeno MPS a preoccuparmi più di tanto. Quello che rappresenta un vero rischio, che è poi volumetricamente enorme (anche se oggi “assicurato” dalla BCE) è un altro acronimo di tre lettere. Si chiama BTP.

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…
Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com). NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.6/10 (11 votes cast)
ATTACCO alle banche italiane! Ecco che è successo a MPS., 8.6 out of 10 based on 11 ratings
3 commenti Commenta
サーファー
Scritto il 24 gennaio 2016 at 13:09

2008, 2015, 2016 – (è) RIPETITIVO! Come un (orologio a) pendolo.

L’arco temporale è (poi) sempre lo stesso. SEMPRE!

Da chiedersi come mai sono sempre quei soliti cinque (5) giorni, in cui opera e poi squaquera.

A. Per motivi contabili?
B. Fiscali?
C. Di rientro per coprire posizioni scoperte?
D. Per sanare pendenze con/o di Altri?
E. O per veicolo, mezzo di/da riciclaggio (“di denaro di estrema e dubbia provenienza”)?

Ormai: (in specie) DELLA SPECIE.

Ps: quotidianamente ciò (dall’INTERROGATIVO all’ESCALAMATIVO – A-E!) accade su N_SU_N TITOLI – a listino dei listini TUTTI: (E) senza che NESSUNO APRA ALMENO GLI OCCHI. Son sempre chiusi (“pecunia non olet”)!

Ripeto alla noia: sullo sfondo è tutta fuffa (ossia, distrae l’attenzione su “cose” e “posizioni-situazioni” ben più serie e corpose – LA CICCIA, PER INTENDERSI).

サーファー © Surfer [IL PENDOLO come sanno bene i VERI ESPERTI o i VERI CULTORI o i VERI INTENDITORI non passa mai inosservato se è a stretto contatto o visione

e per questo, non Tutti Lo amano – pochi, tra l’altro/infatti conoscono i meccanismi]

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +4 (from 4 votes)

link
Scritto il 25 gennaio 2016 at 15:24

bell’articolo. Ti leggo spesso. Scrivi ” Forse la Consob non conosce ancora le opzioni put” Mi puoi estendere il concetto qui sopra ?
ad. es. Se ho un opzione punto sul ribasso. Ma se il titolo Mps è sospeso in asta oppure sono vietate le vendite allo scoperto non dovrebbero risentirne l’opzione? un hedge fund che ha delle put come si comporta in caso di aumento di capitale a sorpresa su mps?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

サーファー
Scritto il 26 gennaio 2016 at 14:34

Follow/take the dictates teachings in the numerical sense – but also in a clockwise direction, if desired (is the same, in several Markets or for the single shares of listed – in stock).

Volatility trading using option – variance is the key, not volatility!

_§_ C. Bennett, “Trading volatility – Trading volatility, correlation, term structure and skew” – CreateSpace Independent Publishing Platform: April 24, 2014

https://cfe.cboe.com/education/tradingvolatility.pdf

サーファー © Surfer

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+