APPLE: la mela torna ad essere interessante?

Scritto il alle 14:55 da Danilo DT

Apple: trading idea e…non solo!

Ormai Apple, lo sapete benissimo, è un mio pallino ma anche un benchmark oramai.
Un titolo che da solo vale molto più di Spagna, Portogallo e Grecia a livello borsistico (lasciamo perdere il confronto con Piazza Affari). CLICCATE QUI e rivedete questa interessante analisi.
Nelle precedenti analisi, avete letto di una mia “previsione” anche abbastanza semplice ed ovvia, dove parlavo di una Apple a prezzi siderali, drammaticamente elevati, (CLICCA QUI ! )  e decisamente insostenibili.
Bene, previsione azzeccata ed ecco oggi Apple come si presenta. E se la borsa USA si è indebolita nelle ultime settimane, buona parte della responsabilità è proprio di Apple. Una struttura di vendita unica anche a livello qualitativo. E’ di gran lunga il venditore in USA più redditizio rapprotato per metro quadrato di negozio. Signori, non si vende fumo, ma beni!

Grafico Apple: fine della correzione?

Impossibile dire con certezza che il rally ribassista di Apple è giunto al capolinea ma…dal grafico sembra ormai che la possibilità di un rimbalzo sia quantomeno probabile. E, ci tengo a precisarlo, Apple non è fuffa. Apple è utili veri, è una quantità di denaro in cassa enorme. Quindi occhio ad Apple che, se comprata a prezzi appetibili, ha assolutamente senso in un portafoglio titoli.
E ora siamo a -25% dai massimi. Non male.


Guardate:

a) RSI
b) Trendline rialzista
c) Stocastico
d) Volumi

Quattro indizi fanno una prova? No, però fanno alzare all’investitore le antenne…

Per accedere ad una valanga di considerazioni per investire, cliccate QUI!

STAY TUNED!

DT

Non sai come comportarti coi tuoi investimenti? BUTTA UN OCCHIO QUI| e seguici su TWITTER per non perdere nemmeno un flash real time! Tutti i diritti riservati © | Grafici e dati elaborati da Intermarket&more su databases professionali e news tratte dalla rete | NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
APPLE: la mela torna ad essere interessante?, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Tags: ,   |
10 commenti Commenta
lapradera
Scritto il 19 novembre 2012 at 15:47

Buongiorno carissimo DT, e si gli indicatori sono buoni la curavo già dalla scorsa settimana, io l’ho beccata sulla forte crescita tra settembre e ottobre, quando è arrivata a 690$ circa l’ho mollata e sinceramente non mi sono fidato a venderla dopo, quando ha incominciato a mollare.

Adesso sicuramente dopo che ha perso circa i suoi bei 80$ non sò, magari intraday una puntatina la faccio però sulla lunga non sono proprio tanto convinto.
Visto considerato che la maggior parte della produzione si svolge in Cina e se quelli iniziano a scioperare ed a ottenere come sarebbe anche giusto un pò più di diritti in materia di lavoro allora l’obbiettivo di superamento dei 700$ la vedo dura. Un saluto e alla prossima:wink:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

7voice
Scritto il 19 novembre 2012 at 19:33

per me da qui a marzo 2013 la troverete intorno ai 280 $ !

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lapradera
Scritto il 19 novembre 2012 at 20:26

EHHHH si, effettivamente è un pò gonfia ma è il suo boom come abbiamo già in passato assistito ai vari boom di tiscali, seat pagine gialle, fastweb e come e poi ancora tante tante altre ancora, ma in borsa un pò come nella vita non si può mai dire, boooo staremo a vedere, oggi vola, intraday và benissimo, però a pensarci bene se devo metterci 10000 euro quasi quasi preferisco Nokia che stà radente al fallimento o comunque in una situazione per niente rosea, qui i casi sono due; o fallisce o assisteremo ad una importante restretturazione aziendale che sarà la soluzione più gettonata, 10000 euro oggi che l’azione vale circa 2,20 quindi 10000/2,20 = 4545, se entro due anni o spero prima va a 8 euro che non è un obbiettivo poi così tanto pretenzioso allora
4545×8= 36660 euro, non male no, e se va male allora perderò 1/2 del capitale o poco di più.
Mentre il nasdaq segna + 2% e apple + 6,82% un saluto e alla prossima.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

vichingo
Scritto il 19 novembre 2012 at 20:45

Al di là del genio di Jobs e della facilità d’uso dei prodotti Apple, non ho mai comprato un prodotto della mela e forse mai ne comprerò uno, perché:
– costa troppo;
– alimenta il “consumismo” sfrenato, quando quelle risorse possono essere destinate a cose più utili;
– la stessa funzione può essere sostituita da altri prodotti molto meno costosi, ad esempio, io opero con un portatile, pagato 350 euro con ubuntu e open office completamente gratuiti e scaricabili facilmente da internet.
Bisognerebbe fare più informazione in questo senso, dato che la crisi economica impone scelte di questo tipo. Sto parlando per la maggioranza di persone che stentano ad arrivare a fine mese, alle quali non può essere preclusa la possibilità di informarsi in rete, dove l’informazione, per il momento è più libera rispetto ai canali tradizionali. Poi sulla visione del titolo nel prossimo futuro posso essere d’accordo con le vostre affermazioni.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

lampo
Scritto il 19 novembre 2012 at 21:43

vichingo,

Concordo pienamente, visto che poi Apple, come modello di business, genera i ricavi principalmente dalla vendita dei suoi prodotti e dalla fama che si è creata con il suo marchio a livello di moda e consumismo… e non dai servizi che ci sono dietro (vedi Amazon, Google, ecc.).
In più… non credo che con la crisi economica in corso ci saranno ancora tanti consumatori che andranno dietro la moda-gadget… nel senso che si tratterà di una fetta che si assottiglia sempre di più (avendo già comprato un dispositivo… spesso a caro prezzo facendo la fila per essere primo).

Che poi ci sia margine di risalita… come semplice rimbalzo di analisi tecnica, legato al rimbalzo attuale delle borse (almeno in base ai volumi attuali…), non c’è dubbio… ma poi si torna giù.

P.S.
Anch’io uso Ubuntu oramai da 5 anni e recentemente il vecchio modello Google Samsung Nexus… veramente valido come prodotto, soprattutto perché acquistato in svendita durante la diatriba della causa.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

idleproc
Scritto il 19 novembre 2012 at 22:07

Comunque su AAPL ci starei un pò attento. E’ anche vero che funge da “cassa” rifugio per molti (Bank of Israel) ma non mi fiderei molto di un mercato e di una giornata che si muove sulle voci di un accordo sullo scoglio fiscale e su qualche dato di vendite immobiliari. Purtroppo ho perso il link ma ho visto un conto un po’ impressionante su quanti dollari dovrebbe spendere all’anno in prodotti apple ogni singolo americano per dare significato al valore del titolo. Mi spaventa un po’ e mi sembra follia un mercato che si muova così coi fondamentali sostanzialmente immutati o peggiorati. Mah?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Scritto il 19 novembre 2012 at 23:26

…intanto però oggi a +7%. Presa a leva, domani la chiudo mi sa… :wink:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

7voice
Scritto il 20 novembre 2012 at 10:14

prese a leva 8O ancora con questa storia di banche fallite che prestano soldi nulli :roll: allora dobbiamo per forza fallire tutti quanti ! :mrgreen: ma poi : sta leva era per 500mila :roll: beh allora datti da fare ! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 20 novembre 2012 at 11:30

    HAHAHAHA.. devo essere sincero… Ho comprato qualche Melinda normale più qualcosetta a premio ma di importo totalmente irrilevante…. Fidati, era proprio solo per scommettere! briciole insignificanti!

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)

vichingo
Scritto il 20 novembre 2012 at 11:37

lampo,

Grande Lampo………..

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Google+