2014: l’anno che è stato. 2015: l’anno che sarà.

Scritto il alle 12:25 da Danilo DT

2014-2015-new-year-eve

2014: un anno ricco di felicità e il 2015 sarà ancora meglio

Forse qualcuno di voi potrebbe darmi per pazzo leggendo il sottotitolo di questo post. In realtà, forse, un po’ pazzerello lo sono ma in questo caso, quanto scritto, deriva da un’indagine seria e certificata. Ma andiamo con ordine.

Sono ormai le ultime ore di questo 2014. Vogliate innanzitutto accettare i miei più sentiti auguri di un 2015 ricco di soddisfazioni, gioia, serenità e anche di buone entrate finanziarie (che non fa mai male). Eccovi in questo piccolo elenco di slide un sunto di come è andato il 2014.

2014: andamento asset finanziari

2014-asset-performance

2014: andamento settoriale

2014-global-equity-sector-andamento-performance-settoriale

2014: andamento azionario per area geografica

2014-performance-regionale-azionario

2014: andamento principali mercati azionari sviluppati

2014-performance-developed-market-equity

Un anno che quindi ha anche sorpreso per certi aspetti. Dopo un inizio anno titubante ci siamo ritrovati con uno sfavillante Shanghai index, mentre il petrolio si è dimostrato il peggior investimento dell’anno.

Tra i settori, fortissimo ancora l’hi-tech, vero motore dell’economia globale, assieme al farmaceutico in generale, mentre ovviamente molto male tutto quanto aveva a che fare con le materie prime.

Tra le varie regioni, spicca la performance anemica di un po’ tutte le aree, mentre l’Est Europa, complice anche la crisi Russa, paga pegno.

E tra i mercati sviluppati, a parte Israele. La regina è sempre lei, Wall Street. Molto male il Portogallo ma anche l’Austria (per crisi Russia e settore bancario) e Norvegia (per crisi petrolio).

Un anno quindi che è stato di alti e bassi, con tante vicissitudini discutibili ed eventi che lo hanno caratterizzato. Il sentiment italiano non può certo dirsi alle stelle.

Fiducia dei consumatori ITALIA (ISTAT)fiducia-consumatori-italia-2014

Malgrado questo dato fonte ISTAT, che chi la pensa ben diversamente.

Il 2014 è un anno dove la percentuale di persone più felici, a livello mondiale, è sensibilmente aumentata. A dirlo è la WIN/Gallup International  , ovvero il più grande network mondiale di istituti di ricerca indipendenti, di cui Doxa  è il partner per l’Italia, la quale ha pubblicato i risultati della 38^ edizione del Sondaggio Mondiale di Fine Anno sulle previsioni, le aspettative e le speranze dei cittadini di 65 paesi di tutto il mondo.

Highligths:

• il 70% della popolazione mondiale è felice della propria vita (in rialzo rispetto al 60% dell’anno scorso); il dato italiano è pari a 41%, anch’esso in rialzo (+9%)
• le Isole Fiji sono il paese col più alto livello di felicità (93%) e l’Iraq quello col livello più basso (31%)
• l’Africa (75%) e l’Asia (63%) sono i continenti in cui si crede maggiormente in un 2015 migliore del 2014; in Italia questa fiducia è contenuta al 14% ma in crescita di 5 punti rispetto all’anno scorso
• solo il 12% dei cittadini dell’Europa Occidentale prevede un 2015 di prosperità economica (in Italia il dato è al 10%, comunque in crescita rispetto al 4% rilevato a fine 2013);
Un mondo più felice nel 2014

Alla fine del 2014 il 70% del totale degli intervistati per il Sondaggio Mondiale di Fine Anno WIN/Gallup International si dichiara felice, con un rialzo del 10% rispetto al 2013. Di queste 64.002 persone solo il 6% afferma di essere infelice, la metà di quanti erano l’anno scorso (12%). Coloro che non si sentono “nè felici nè infelici” appaiono stabili intorno al 25%.
L’Africa emerge come il continente più felice con l’83%, seguito dall’Asia (77%). La maggior quota di infelici è invece stata rilevata in Oceania (14%), Medio Oriente/Nord Africa (13%) ed Europa Occidentale (11%).

Il paese europeo più felice è la Finlandia (80%), quello meno felice è la Grecia, dove un quarto della popolazione (24%) si dichiara infelice.

E il 2015?

A livello globale l’indagine mostra che poco più della metà (53%) della popolazione mondiale pensa che il 2015 sarà migliore del 2014, con un incremento della quota degli ottimisti di 5 punti rispetto ad un anno fa. Africa (75%) e Asia (63%) sono i continenti più ottimisti. Europa dell’Est, Medio Oriente/Nord Africa ed Europa Occidentale appaiono invece come i più pessimisti con 28%, 27% e 26% rispettivamente di previsioni negative (ossia un 2015 peggiore del 2014).

La Nigeria è il paese più ottimista in assoluto con l’85% della popolazione adulta che prevede un nuovo anno migliore, mentre il Libano è il meno ottimista con solo 26% di previsioni positive e 52% negative.

Europa Occidentale in declino?

Alla domanda sulla prosperità o difficoltà economica del prossimo anno, il 42% della popolazione mondiale prevede un anno di prosperità economica mentre il 23% si aspetta un anno di difficoltà. Decisamente meno roseo il quadro emerso nei paesi dell’Europa Occidentale, dove solo il 12% prospetta un anno di prosperità e il 44% un anno di difficoltà economica.

La situazione italiana

Entrando un po’ più nel dettaglio dei dati rilevati in Italia dalla Doxa, emerge qualche segnale di ottimismo rispetto a un anno fa: coloro che si aspettano un anno migliore sono cresciuti dal 9 a 14%, con valori più elevati (18-19%) nelle fasce d’età 25-34 e 35-44 anni e nelle regioni del Nord-Ovest (18%). Meno ottimisti invece gli intervistati di 45-54 anni (6%)e residenti nelle regioni del Nord-Est (8%).

Abbastanza confortanti le aspettative più specifiche sull’andamento economico: coloro che si aspettano un anno di prosperità economica sono solamente 1 su 10, ma in crescita significativa rispetto ad un anno fa, quando le previsioni per un anno di prosperità erano solo il 4%. Anche su questo tema le opinioni appaiono molto diverse tra Nord-Ovest e Nord-Est, dove abbiamo rispettivamente il 12% e il 3% di ottimisti e il 39% e il 51% di pessimisti.

Volendo creare una sorta di “barometro dell’ottimismo” riportiamo per gli ultimi 10 anni l’indice “Net hope”, dato dalla differenza tra le percentuali degli ottimisti e dei pessimisti riguardo alle prospettive economiche per l’anno nuovo. Per quest’anno esso è pari a -31, con un rialzo di 3 punti rispetto all’anno scorso.

indice-net-hope-doxa-italiaChe dire, che questo sia il miglior augurio per tutti voi di un 2015 che, come detto in apertura, sia ricco di soddisfazioni, gioia, serenità e anche di buone entrate finanziarie (che non fa mai male).

Riproduzione riservata

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

(Se trovi interessante i contenuti di questo articolo, condividilo ai tuoi amici, clicca sulle icone sottostanti, sosterrai lo sviluppo di I&M!). E se lo sostieni con una donazione, di certo non mi offendo…

InvestimentoMigliore LOGO

La nuova guida per i tuoi investimenti. Take a look!

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia. Se non ce l’hai o se non ti fidi più di lui,contattami via email (intermarketandmore@gmail.com).
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:R_U [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
2014: l'anno che è stato. 2015: l'anno che sarà., 10.0 out of 10 based on 1 rating
Tags:   |
Nessun commento Commenta

I commenti sono chiusi.

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

VEDO PREVEDO STRAVEDO tra 10 anni!

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+