10 years ago… Dall’inferno Trichet al “paradiso” Draghi

Scritto il alle 10:21 da Danilo DT

 

Mamma mia come passa il tempo. E se ci pensate bene, in questi ultimi 10 anni ne sono successe veramente di tutti i colori.
10 anni fa… Ma voi vi ricordate cosa è successo 10 anni fa? “Whatever it takes”?
Ma assolutamente no, 10 anni fa è successo esattamente l’opposto.
Un incommentabile (secondo me) Trichet annunciava un aumento dei tassi di interesse, dal 4% al 4,25%. Ecco le motivazioni.

On the basis of our regular economic and monetary analyses, we decided at today’s meeting to increase the key ECB interest rates by 25 basis points. This decision was taken to prevent broadly based second-round effects and to counteract the increasing upside risks to price stability over the medium term. HICP inflation rates have continued to rise significantly since the autumn of last year. (…) On the basis of our current assessment, the monetary policy stance following today’s decision will contribute to achieving our objective. We will continue to monitor very closely all developments over the period ahead. [ECB

E fu l’ultimo rialzo dei tassi, seguito poco dopo da un vero e proprio “capitombolo” dei rendimenti, complice anche la crisi subprime che da li a breve avrebbe imperversato sui mercati.
Eccovi il grafico esplicativo.

10 anni fa, chi già allora mi seguiva, è testimone del fatto che fummo in assoluto tra i primi a parlarvi della crisi subprime e dei rischi abnormi che si vedevano soprattutto sul tessuto economico USA. E di li a poco, Lehman Brothers sarebbe saltata.
E in quel periodo la BCE ebbe il coraggio di alzare prima i tassi per poi cambiare repentinamente direzione.
Oggi i tassi sono di esattamente 425 punti base sotto ai livelli di allora (ovviamente) e il bilancio della BCE, causa QE Europeo, si ritrova oggi con in pancia titoli per 3 mila miliardi di Euro in di più di allora.
Da allora, le banche centrali hanno fatto l’impossibile per tenere in piedi la baracca, per salvare il sistema, per fare tutto il possibile (eccolo in “whatever it takes”) per salvare capra e cavoli.
Oggi ci troviamo in una situazione MOLTO diversa rispetto ad allora. Ma temo che, in caso di necessità, le banche centrali sarebbero un po’ più in difficoltà rispetto ad allora. Ed il paradiso potrebbe tramutarsi in un inferno dove le leggi naturali tornano a prendere il sopravvento, portando i mercati ad una violenta normalizzazione.
Occhio, non vi sto dicendo che OGGI stiamo per vivere questo incubo. Dico solo che non sarà facile poter continuare serenamente il sogno….

STAY TUNED!

Danilo DT

(Clicca qui per ulteriori dettagli)

Questo post non è da considerare come un’offerta o una sollecitazione all’acquisto. Informati presso il tuo consulente di fiducia.
NB: Attenzione! Leggi il disclaimer (a scanso di equivoci!)

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
10 years ago… Dall’inferno Trichet al “paradiso” Draghi, 10.0 out of 10 based on 1 rating
Tags:   |
2 commenti Commenta
[email protected]
Scritto il 5 luglio 2018 at 11:53

Junker o Trichet (a quel tempo capo della BCE) … ?
Lehman Brothers sarebbe salvata …. o “saltata”?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

    Scritto il 5 luglio 2018 at 14:59

    Che ci vuoi fare… Quando uno è in ferie…. Sorry, correggo subito

    VN:F [1.9.20_1166]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Sostieni IntermarketAndMore!

ATTENZIONE Sostieni la finanza indipendente di qualità con una donazione. Abbiamo bisogno del tuo aiuto per poter continuare il progetto e ripagare le spese di gestione!

TRANSLATE THIS BLOG !

I sondaggi di I&M

Come vorresti I&M?

View Results

Loading ... Loading ...
View dei mercati

Per informazioni, contatti, proteste, idee e quant'altro.... contattatemi !

Image Hosted by ImageShack.us

intermarketandmore@gmail.com

Google+